Crisi dei consumi: meglio investire sui beni di prima necessità

Gli analisti stanno formulando fosche previsioni sull’economia mondiale e questo non sorprende.

L’inflazione risulta essere molto più elevata del previsto. La variante omicron rischia di mandare l’Europa e forse tutto il mondo in lockdown. Anche la crisi della supply chain potrebbe diventare molto più complessa a causa di questi scenari critici. In una situazione del genere è assolutamente normale che i risparmiatori cerchino di capire quale comparto del mercato possa offrire maggiori possibilità. E non sorprende che molti consulenti consiglino di puntare proprio sui beni di prima necessità. Con l’inflazione che cresce in modo preoccupante e le varie minacce che gravano sulla produzione e sui consumi mondiali è purtroppo prevedibile che i consumatori cominceranno a tagliare fortemente i beni da acquistare. A salvarsi dai tagli non potranno che essere i beni di prima necessità.

Investire su ciò che non si può tagliare via

Infatti i beni di prima necessità sono quelli che per ultimi vengono tagliati dai consumi. Esistono degli etf che consentono di puntare proprio su questo genere di beni. Acquistando questi etf si metterà nel proprio portafogli tutta una vasta gamma di aziende che opera proprio in quei beni che più difficilmente i consumatori decideranno di eliminare. Il primo che vi proponiamo è Xtrackers MSCI World Consumer Staples UCITS ETF 1C, con ISIN IE00BM67HN09, Ticker XDWS. Il secondo che vi segnaliamo è Lyxor MSCI World Consumer Staples TR UCITS ETF – Acc (EUR), il suo ISIN LU0533032263, Ticker STAW. In uno scenario del genere è davvero importante diversificare. All’articolo seguente vediamo perchè gli etf sono preziosi proprio per migliorare il proprio grado di diversificazione.

Leggi anche: Guida ETF: ecco perché ti consentono proprio la diversificazione giusta

All’articolo seguente vediamo come rifugiarsi nel mattone anche se si hanno a disposizione piccole cifre.

Leggi anche: Guadagna subito investendo nel mattone (anche piccole cifre) tramite ETF

Insomma, l’attuale critica situazione internazionale impone ridefinizioni della propria strategia.