Bonus asilo: ora o mai più. 3.000€ da chiedere entro il 31 dicembre

Ultimissimi giorni utili per richiedere un bonus importante per tante famiglie italiane.

Il Bonus asilo è un bonus strategico per tantissime famiglie italiane, ma è terminato. O meglio sta per terminare il termine per richiederlo. Il perchè è molto semplice. Dal 2022 arriva l’assegno unico. Con l’assegno unico il governo cancella qualsiasi altro intervento a favore della famiglia e di conseguenza anche il bonus asilo. Ed è un peccato perchè il bonus asilo è stata una delle misure più utili ed apprezzate degli ultimi anni. Vediamo cosa cambia. Dal 2022 il governo non darà altri aiuti alle famiglie che non siano l’assegno unico. Esso sarà calcolato in base all’ISEE ed al numero dei figli. Dunque se i genitori vogliono un aiuto per sostenere le spese dell’asilo, potranno fare riferimento solo all’assegno unico. Ecco perchè diventa importante sfruttare questi ultimissimi giorni per richiederlo.

Ecco come richiederlo

Possono richiederlo quelle famiglie che abbiano figli sino ai tre anni di età. La normativa non fa distinzione tra i figli naturali oppure adottati. I tre anni devono essere stati compiuti tra gennaio e agosto del 2021. Dunque in questa fascia di età si ha diritto al bonus. Bonus che vale sia per aiutare chi abbia i figli iscritti all’asilo pubblico che a quello privato. Particolarmente apprezzabile era la copertura anche dell’assistenza domiciliare per il minore con determinate patologie. Si può presentare online sul portale dell’INPS la domanda per riceverlo, ma anche rivolgersi a caf e patronati. Con ISEE fino a 25.000 euro, si ha diritto a 3.000 euro. Con ISEE fino a 40.000 euro, si avranno 2.500 euro, mentre dai 40.001 euro, il bonus si riduce a 1.500 euro. Ma il bonus viene anche calcolato in funzione del numero di rette effettivamente pagate.

Leggi anche: Bonus musica: arrivano subito 1.000€ che faranno felici i ragazzi

Dunque un bonus importante che è peccato lasciarsi sfuggire e che con l’Assegno Unico, finisce.

Leggi anche: Detrazioni per i figli 2022: come non perderle con l’Assegno Unico

Peccato, dunque, lasciarselo sfuggire.