Sanità italiana, in quali ospedali pubblici hai più possibilità di salvarti

Tutti gli ospedali dovrebbero garantire la stessa qualità del servizio. In Italia, purtroppo, non è così. Vediamo quali sono i migliori ospedali e dove si trovano.

ospedali pubblici salvarti
Fonte: Pixabay

Nonostante l’Italia continui ad essere uno dei Paesi con la più alta aspettativa di vita alla nascita al mondo (per l’esattezza, il 7° ed è preceduto da Hong Kong, Giappone, Macau, Svizzera, Singapore e Spagna), il divario tra Nord e Sud è sempre più marcato. La mobilità sanitaria è in aumento (verso il Nord) e la prevenzione, uno strumento importantissimo a cui tutti dovrebbero avere accesso, non è diffusa tra le fasce meno abbienti della popolazione.

La prevenzione e le cure primarie, infatti, sono alcuni dei modi migliori per ridurre le ospedalizzazioni: in molte regioni d’Italia, ad esempio, le donne di età superiore ai 25 anni ricevono, ogni due anni, un appuntamento dall’ASL competente per effettuare Pap-test e HPV test per la prevenzione del tumore al collo dell’utero. Alcuni tipi di malattie, se scoperte troppo tardi, possono causare morte certa ma, se vengono diagnosticate allo stadio iniziale, hanno un bassissimo tasso di mortalità.

Secondo quanto scritto nella Direttiva Generale per l’attività amministrativa e la gestione del Ministero della Salute del 2019 “La mobilità sanitaria extra-regionale viene considerata un fenomeno da ridurre in quanto viene interpretata come un disagio per il cittadino che si deve rivolgere a strutture sanitarie fuori dalla propria regione per ottenere condizioni migliori in termini di qualità e accessibilità alle cure.” I dati sono allarmanti: gli spostamenti vengono effettuati, nel 41% dei casi, per curare patologie oncologiche, nel 27%, per le malattie croniche, nel 25% per quelle cardiovascolari e nel 7% per patologie neo-natali molto gravi. La migrazione è diretta soprattutto verso le Regioni nel Nord e nel centro-Nord: Lombardia (2,98% dei casi), Emilia Romagna (2,42%) e Toscana (2,14%).

Quali sono i migliori ospedali italiani?

ospedali pubblici salvarti
Fonte: Pixabay

Secondo la classifica del giornale statunitense Newsweek, i migliori ospedali italiani sono: al primo posto, il Gemelli di Roma (37° posto della classifica mondiale), al secondo posto il Niguarda di Milano (50° posto) e, al terzo posto, il Sant’Orsola di Bologna (60° posto al mondo). Il miglior ospedale in Italia è il San Raffaele di Milano, il è l’Istituto Clinico Humanitas (MI), il è l’Azienda Ospedaliera di Padova. Basta dare una rapida occhiata alla lista per rendersi conto che le prime 34 strutture sanitarie migliori d’Italia (ad eccezione del Gemelli) sono situate al Nord e Centro-Nord.