Benzina lo sconto è un bluff, ricordati di fare il pieno entro il 21 aprile

Tutti gli automobilisti si sono accorti che da poche ore è sceso il prezzo della benzina e del diesel. Ma lo “sconto” è in bilico.

(Pixabay)

Per qualche giorno gli italiani hanno dovuto sopportare l’aumento sterminato dei prezzi della benzina e del diesel, ma anche di altri costi come il grano, il pane e altro. Adesso, a conti fatti, la benzina costa 15 euro di meno rispetto a pochi giorni fa. Questo cambiamento è dovuto al tanto agognato delle accise, ed è entrato in vigore dalla metà giornata di martedì scorso. Da quel momento le più importanti pompe di benzina e gasolio hanno diminuito di circa 30,5 centesimi al litro il costo del carburante. Ora, quanto successo, ha allineato il costo a 1,8 euro per ogni litro, mentre è di nuovo sceso a 0,85 il costo del Gpl.

Quanto dura il bonus benzina e perché conviene fare subito il pieno entro il 21 aprile

(Pixabay)

Il taglio delle accise varato dal governo italiano per fronteggiare il caro consumi non avrà durata illimitata. Il “bonus” sarà valido per circa un mese, ed è probabile che ci sarà un intervento dell’esecutivo per costruire negli spazi fiscali che l’esecutivo vorrà lavorare con il Def. La misura è attesa per la settima prossima. In verità però la norma permette al governo di rimodellare le aliquote (e quindi di prorogare e ampliare gli sconti) attraverso un semplice decreto ministeriale. Così facendo il costo del carburante potrebbe restare sotto i 2 euro al litro. In termini numerici, la misura sarà coperta per 564 milioni, calcolando la maggiore Iva incassato dalle casse dello Stato nei mesi di ottobre e febbraio attraverso il prezzo del greggio superiore al 2 per cento in più rispetto a quanto ipotizzato dal governo.

Benzina, cosa succede dopo il 21 aprile

(Pixabay)

Benzina e diesel rischiano di tornare ai livelli conosciuti fino a pochi giorni fa. Ecco le medie dei prezzi applicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico: benzina self service a 2,105 euro/litro (-16 millesimi, compagnie 2,104, pompe bianche 2,105), diesel a 2,086 euro/litro (-17, compagnie 2,082, pompe bianche 2,093). Benzina servito a 2,237 euro/litro (-7, compagnie 2,273, pompe bianche 2,170), diesel a 2,226 euro/litro (-5, compagnie 2,262, pompe bianche 2,159). Gpl servito a 0,890 euro/litro (+1, compagnie 0,891, pompe bianche 0,888), metano servito a 2,224 euro/kg (-6, compagnie 2,351, pompe bianche 2,129), Gnl 2,089 euro/kg (-31, compagnie 2,151 euro/kg, pompe bianche 2,032 euro/kg). Ed ecco i prezzi sulle autostrade: benzina self service 2,201 euro/litro (servito 2,404), gasolio self service 2,186 euro/litro (servito 2,402), Gpl 0,989 euro/litro, metano 2,699 euro/kg, Gnl 2,099 euro/kg.