Reddito di Cittadinanza bloccato, c’è un modo per riavere i soldi

C’è un nuovo bonus che lo Stato ha messo a disposizione ma non tutti possono riceverlo. Ecco quali sono i criteri per potervi accedere e quali sono i tempi di erogazione. 

E’ arrivato il turno dell”Assegno Unico”, la misura adottata dal governo guidato da Mario Draghi per andare incontro alle esigenze delle famiglie italiane con figli a carico. Dal beneficio non restano esclusi i percettori del Reddito di cittadinanza, i quali sono iscritti d’ufficio nell’elenco di coloro lo ricevono senza inoltra una nuova richiesta.

Ansa, Roma

L’obiettivo è quello di far fronte a difficoltà e problematiche economiche scaturite dalla crisi economica dettata dal Covid, che ha messo in ginocchio migliaia di famiglie italiane. A farne le spese, in particolare, sono quelle con più figli a carico tra istruzione e il resto. Per coloro che hanno presentato già la domanda, si dovrebbe avvicinare ormai il tempo in cui il pagamento dovrebbe essere erogato. L’assegno ha iniziato a viaggiare da marzo scorso, anche se proprio i percettori del Reddito di Cittadinanza ancora non lo hanno incassato. Perché? A spiegarlo è l’Istituto nazionale previdenza sociale che con una nota ha sottolineato che i beneficiari dell’Assegno unico lo avranno non da marzo ma aprile, insieme al Rdc. Di fatto, avranno due bonus.

A chi tocca l’Assegno Unico

ANSA, Milano, MATTEO BAZZI

Ufficialmente il suo nome completo è Assegno Unico Universale, ed è dedicato alle famiglie con figli a carico. Da capire a quanto corrisponde la somma che lo Stato mette a disposizione. Per coloro che hanno un figlio a carico e un Isee inferiore a 15mila euro, il contributo è di 175 euro. La cifra del sussidio è orientata in base a diversi criteri: l’Isee della famiglia, madri non ancora 21enni, figli con disabilità. Per fare richiesta del bonus bisogna recarsi all’Inps o al patronato. Diversa la procedura per i percettori del Reddito di Cittadinanza, i quali sono iscritti d’ufficio nelle liste di chi deve ricevere l’Assegno Unico.

Quando si incassano le somme per chi ha il doppio bonus

ANSA, Milano, MATTEO BAZZI

Ovviamente, per ragioni organizzative, l’assegno viene erogato in base a quando è stata inoltrata la domanda. E allora, visto il doppio binario con chi ha riceve anche il Reddito, per quest’ultimo la data fissata per l’incasso a fine maggio.