Attenzione, effetto collaterale su questo farmaco cardiaco: cosa fare immediatamente

Emersa una novità preoccupante in merito ad un farmaco per la cura del cuore estremamente diffuso ed utilizzato.

Cerchiamo di capire cosa sta succedendo e quali rischi può correre chi lo utilizza.

EPA/MIGUEL A. LOPES/ANSA

La ricerca scientifica fa continuamente dei progressi e di conseguenza farmaci che fino ad un certo punto sono stati fortemente consigliati contro una patologia ad un tratto possono suscitare delle perplessità a causa di effetti collaterali.

Un farmaco usatissimo contro infarto ed ictus

Ciò è assolutamente normale ma quando questo capita ad un farmaco diffusissimo ed utilizzato per la cura del cuore, chiaramente questo non può che suscitare una giusta preoccupazione.

Pixabay

Infatti il cuore è uno degli organi più delicati e fondamentali del corpo umano e di conseguenza quando un farmaco comincia a suscitare dei dubbi è giusto approfondire e correre eventualmente ai ripari. Effetti collaterali sono stati scoperti in merito ad un farmaco estremamente diffuso ed utilizzato dai pazienti italiani: stiamo parlando delle statine. Le statine sono utilizzate contro il colesterolo alto ed anche per la cura del cuore. Tantissimi italiani ne fanno un uso continuo anche perché riducono il rischio di infarto ed ictus.

Effetti collaterali variegati

Vediamo che cosa sta dalle ultime ricerche scientifiche sulle statine. Le statine sono molecole preziose nella prevenzione dell’infarto e dell’ictus e per contrastare il colesterolo. Eppure avrebbero anche degli effetti collaterali. In particolare questi effetti collaterali si manifesterebbero in modo più forte proprio sulle donne e gli anziani. L’utilizzo di statine infatti provocherebbe dolori muscolari. Oltre i dolori muscolari le statine potrebbero provocare anche stanchezza e debolezza. Inoltre il dolore muscolare in alcuni casi potrebbe anche essere di forte entità.

Cosa fare subito

A questo punto diventa sicuramente prudente nel caso in cui si assumano statine confrontarsi con il proprio medico di base. Infatti confrontandosi col proprio medico di base si potrà valutare l’opportunità di fare ulteriori indagini oppure eventualmente di operare una sostituzione di questo farmaco. Ma ovviamente tutto questo può essere fatto unicamente dopo il contatto con il medico curante. Soprattutto se si accusano debolezza e dolori muscolari contestualmente alla funzione delle statine diventa particolarmente importante raccontare tutto ciò al medico che potrà valutare tutte le opzioni più utili in questo caso. Sicuramente questo farmaco resta prezioso, ma viste le novità è meglio valutare ogni eventuale alternativa con il medico.