Stipendi, c’è un aumento di 243 euro che aiuterà 60 mila famiglie

Buone notizie per alcuni lavoratori che si troveranno una busta paga più pesante. Ma per capire se ti tocca il bonus devi svolgere uno di questi lavori. Ecco quali.

Elettricità Futura, Utilitalia ed Energia Libera hanno trovato l’intesa con i sindacati settore per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del settore elettrico per il triennio 2022-2024.

Ansa, Roma

Sul piano economico, il contratto garantisce ai lavoratori per il triennio 2022-2024, a fronte dell’incremento Ipca registrato dall’Istat, un segno più complessivo (Tec) di 243 euro, di cui 225 euro sui minimi contrattuali; 15 euro sulla produttività contrattata in azienda, collegati al raggiungimento di obiettivi di efficienza efficacia e qualità del servizio sui parametri tecnici misurati dall’Autorità di Regolazione e da usare anche come strumento di verifica per gli scostamenti dell’inflazione a fine triennio e 3 euro sul welfare, ad incremento della quota datoriale per la previdenza complementare.

Ansa, Roma

“L’intesa sull’ipotesi d’accordo per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro del settore elettrico, che interessa quasi 60 mila addetti, rappresenta il raggiungimento di fondamentali obiettivi e rivendicazioni che, come Cgil, stiamo ponendo al centro della nostra agenda per i prossimi anni: aumento dei salari, occupazione stabile, sicura e di qualità anche per i giovani, lotta alle discriminazioni di genere, formazione permanente, tutela dell’ambiente’. Lo afferma il segretario generale della Cgil Maurizio Landini. ‘Con questo rinnovo, infatti, – sottolinea- l’aumento dei salari sarà al di sopra dell’inflazione: in questo caso si tratta di 243 euro nel triennio con un incremento economico complessivo superiore al 9%. La giusta transizione è perseguita attraverso il diritto alla formazione per ogni lavoratore, per un totale di 40 ore minime, e con la riqualificazione e la ricollocazione del personale in caso di criticità conclamate, nonché con l’orientamento, la formazione e l’inserimento delle nuove competenze necessarie alla transizione energetica. La sicurezza sarà migliorata attraverso la riduzione dei carichi di lavoro e l’aumento dei riposi fisiologici per interventi notturni.

Miglioramenti normativi ance per le donne

Inoltre è stata migliorata anche la normativa sulla parità di genere e sulle misure di protezione per le donne vittime di violenza’. “Questo risultato – spiega ancora il segretario Landini – è la dimostrazione evidente dei risultati che le organizzazioni sindacali possono perseguire anche attraverso la partecipazione e la determinazione dei tanti delegati impegnati a difendere la centralità del lavoro e della sua qualità”.