Stufa elettrica: “salvezza o stangata” quanto consuma e guida per risparmiare in bolletta

Acquistare una stufa elettrica permette di risparmiare in bolletta. Non è sempre così. Ecco tutti i dettagli e come fare per consumare meno. 

L’inverno è alle porte e, per questo motivo, i cittadini italiani stanno già pensando ai metodi da utilizzare per riscaldare la propria casa. Ovviamente, in tempo di crisi economica con il caro bollette alle stelle, si cerca un metodo alternativo per non accentuare i costi e di limitare ogni tipo di spesa.

Uno degli strumenti più pratici ed utilizzati, per riscaldare la casa, è l’utilizzo della stufa elettrica. Conviene davvero? In molti si pongono questa domanda. Ad oggi esistono tante tipologie, anche a basso consumo energetico, che servono a riscaldare soprattutto i piccoli ambienti. E’ una soluzione ideale soprattutto per piccoli locali. Ma quanto consuma davvero la stufa elettrica? Il rapporto qualità-prezzo, è conveniente?

Stufa elettrica: “salvezza o stangata” quanto consuma e guida per risparmiare in bolletta

Tema assai ricorrente, nell’ultimo periodo, è quello relativo ai riscaldamenti. Con la crisi energetica in atto c’è un problema sempre più ricorrente ovvero l’aumento delle bollette di energia e gas. Sono sempre più famiglie a chiedersi come fare per risparmiare e quale strumento utilizzare per riscaldare la propria abitazione in vista dell’inverno. Tra le varie alternative c’è quella della stufa elettrica che è molto gettonata visto che produce un calore istantaneo, talvolta anche molto forte tanto ma non sufficiente per riscolare un ambiente grande. Quelle dotate di ventole, invece, sono più efficaci.

Quanto consuma una stufa elettrica? 

Ovviamente dipende dal modello e dall’utilizzo che se ne fa durante la giornata. Solitamente varia tra i 300 e i 2500 W.

Esistono vari tipi, nessuna migliore dell’altra. Ovviamente, in base alle esigenze del consumatore, si possono trovare diverse tipologie anche a basso costo energetico. Dalla stufa radiatore a olio, che però impiega tanto tempo a scaldarsi, fino alla stufa alogena, infrarossi o al quarzo che ha un consumo maggiore.

Stufa elettrica, conviene o no?

Ci sono delle semplici regole da rispettare per utilizzare la stufa elettrica e risparmiare sulla bolletta elettrica. Bisogna saperla utilizzare con intelligenza ed evitare di tenerla accesa per troppo tempo. Conviene, dunque, avere in casa una stufa elettrica per tenerla in funziona soprattutto nelle ore più fredde della giornata.