Prelievo bancomat: arrivano i nuovi limiti (200 e 1000€) monitoraggio Agenzia Entrate

Prelievo bancomat. Da questo momento in poi occorre fare attenzione alle somme prelevate dal bancomat. L’Agenzia delle Entrate ha occhi ovunque e sa tutto.

Se non fosse che soltanto a poche centinaia di chilometri da noi i campi minati sono una delle millanta follie della follia più grande dell’umanità chiamata GUERRA, potremmo dire che stiamo camminando su un terreno minato. Ma dato che questa similitudine è alquanto fuori luogo possiamo dire che il nostro percorso è ricco di ostacoli.

Prelievo bancomat
Prelievo bancomat (I Love Trading)

Divieti e limiti che in un tempo complicato come quello che stiamo vivendo, a volte rendono ancora più complessa la nostra quotidianità, non tranquilla già di suo. Regole che cambiano in continuazione mutando, allo stesso tempo, i nostri comportamenti ormai quasi automatici. Adesso cambiano i dettami per il prelievo dei contanti al bancomat. Come?

Prelievo bancomat. La fantomatica “soglia”

Era il 1982 quando nei cinema di tutto il mondo è arrivato il film: Il tempo delle mele. Un film sulla lenta, naturale maturazione in tema d’amore di una generazione ancora un po’ acerba. Quarant’anni dopo stiamo vivendo un tempo ben diverso. Lo si potrebbe definire il tempo delle “soglie”, che non fa certo sognare come il periodo raccontato nel film. Oggi viviamo “al limite” in infinite situazioni. Dalla guerra scoppiata in Europa alla crisi economica che ne è seguita, tutto deve avvenire all’interno di precisi perimetri, oltre i quali non si può andare. Alle famiglie ed alle imprese arrivano bollette energetiche con cifre che superano nettamente “la soglia” che ciascuna famiglia ed impresa ha in precedenza stabilito. L’inflazione continua a far si che i prezzi dei prodotti alimentari proseguano la loro crescita, ma il denaro da spendere è sempre quello, forse anche qualcosa di meno.

“La soglia” si abbassa in maniera considerevole quando osserviamo il nostro carrello della spesa. Ed ancora il termine “soglia” non smette di inseguirci quando il limite da non oltrepassare riguarda il pagamento in contanti. Al momento la fatidica “soglia” sarebbe quella dei 60 euro ma in attesa di conferme ufficiali da parte dell’esecutivo di Giorgia Meloni, è preferibile non risparmiare sui condizionali. E come per incanto, ecco un altro avvertimento che ci arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate. Una nuova “soglia” si aggiunge all’ormai lunghissima lista. La soglia ultima arrivata riguarda il prelievo dei contanti dal bancomat. Anche in questo ambito vi sono dei nuovi limiti da rispettare per non cadere nello sgradito elenco degli osservati speciali. Quali sono i nuovi limiti da rispettare?

I nuovi limiti

Per quanto riguarda i limiti di prelievo del contante, questi possono variare da banca a banca. La forbice di cifre può oscillare tra i 200 ed i 1000 euro giornalieri. E’ la norma antiriciclaggio a guidare questo limite. I prelievi mensili possono infine arrivare fino a 10000 euro.

Nel caso in cui si sia alla presenza di prelievi consistenti vi può essere la possibilità che l’UIF, ovvero l’ Unità di Informazione Finanziaria della Banca d’Italia, richieda ulteriori indagini da parte dell’Agenzia delle Entrate. Questo, però, è bene precisarlo, è un caso limite. Può avvenire soltanto quando, dietro i prelievi, si sgorgano azioni illecite particolarmente gravi.

2023
2023 (I Love Trading)

Certo è che anche i nostri governanti non dovrebbero mai superare la “soglia” della ragionevolezza. Da un lato parlano di aumento della “soglia” per i pagamenti in contanti, dall’altra della “soglia” del prelievo dei contanti dal bancomat. Attendiamo chiarimenti.