Divieto di sosta: la multa non vale in questi casi, tutti pagano a vuoto

Fai attenzione alle sanzioni e ai modi per uscirne. La multa per divieto di sosta non vale in questi casi: ecco quando puoi non pagare

Molto probabilmente almeno una volta nella vita, se possiedi un’automobile, ti sarà capitato di ricevere una multa da parte dei vigili urbani. Possedere un veicolo, infatti, oltre a comprendere le spese per la manutenzione e il rifornimento, vuol dire saper conoscere quelle che sono le norme che regolano la viabilità stradale.

Divieto di sosta: la multa non vale in questi casi, tutti pagano a vuoto
Ecco quando puoi non pagare una multa per divieto di sosta, Ilovetrading

Ecco perché le forze dell’ordine (in particolare vigili urbani e polizia municipale, ma non solo) hanno la possibilità di effettuare sanzioni amministrative nei confronti dei guidatori che non rispettano le regole. Tuttavia, è necessario fare attenzione ai contesti e le caratteristiche in cui accadono determinati episodi. Ecco, infatti, quando la multa per divieto di sosta non vale ed è possibile non pagare.

Quando la multa per divieto di sosta non vale

Prendere una multa per divieto di sosta può capitare a tutti, non si tratta della fine del mondo e un errore è certamente prevedibile, soprattutto se è da poco che si prende un veicolo. È proprio per questo che, nella maggior parte dei casi, il fatto di aver preso una sanzione amministrativa ci porta subito a pagare ciò che dobbiamo, senza mettere in discussione l’oggetto e le motivazioni di ciò che è scritto nel verbale. Tuttavia, se spesso pensiamo che non ne valga la pena, è possibile fare ricorso presso gli uffici competenti e addirittura ottenere l’annullamento della sanzione.

Ci sono casi, infatti, in cui la multa per divieto di sosta non vale. Ci sono infatti casi in cui oggettivamente una multa presa è totalmente ingiusta e deriva da un errore del pubblico ufficiale che ha emanato la sanzione. È infatti possibile che una molta per divieto di sosta verbalizzata da un vigile o dalla polizia possa essere illegittima. Sono questi i casi in cui il cittadino ha la possibilità di fare ricorso e di poter sperare di vincere la causa, ottenendo l’annullamento della sanzione.

Divieto di sosta: la multa non vale in questi casi, tutti pagano a vuoto
Puoi evitare di pagare la multa per divieto di sosta in questi casi, Ilovetrading

Quando si parla di divieto di sosta si intende un segnale di prescrizione che segnala il divieto di sosta; tuttavia, questo non vuol dire che anche la fermata sia deviata. All’interno dei centri abitati, inoltre, quando questo viene segnalato nella maniera opportuna, il segnale ha validità dalle ore 8 alle ore 20, mentre nelle aree extraurbane il divieto è valido per 24 ore. Ma in quali casi la multa per divieto di sosta non vale?

Ecco quando

Quando si riceve una multa per divieto di sosta e si ha la convinzione di non aver infranto le regole è necessario accertarsi di alcuni elementi. In particolare, è importante osservare e capire quali siano le condizioni del cartello. Nel caso in cui questo non sia leggibile o scolorito la multa non può essere valida.  Inoltre, questo deve essere posizionato nel modo migliore, tanto da poter essere visto.

È inoltre possibile fare ricorso ed evitare il pagamento della multa quando la notifica della sanzione viene ricevuta dall’automobilista oltre i 90 giorni consentiti dalla legge. In questo modo, infatti, avremo il diritto di contestare la sanzione e ottenere l’annullamento.