“È’ cancerogeno”, il Ministero mette in allarme i consumatori: è la marca più famosa

L’annuncio del Ministero della Salute in merito al consumo di una tipologia di cibo molto comune nelle case italiane: la marca è famosa, bisogna evitare alcuni lotti

Il Ministero della Salute ha ordinato il ritiro dal commercio di due lotti di prodotti segnalati come cancerogeni. Non è di certo questa la prima volta che viene segnalato del cibo contaminato con sostanze cancerogene. Il Ministero della Salute cerca da sempre di monitorare tutte le aziende che rivendono sul territorio italiano per cercare di contenere al massimo i rischi del consumatore.

Rico cancerogeno ritirato dal mercato
Attenzione ritiro lotti riso contaminato – ilovetrading

Contenere i rischi, però, non significa non rischiare mai. Molti dei cibi che ingurgitiamo sono spesso contaminati, anche se in minima parte, da sostanze che potrebbero farci male: tenere sotto controllo marchi che distribuiscono alimenti, ristoranti e via dicendo non è facile, per quanto l’attenzione sia alta, capita spesso che qualche lotto venga segnalato dopo molto tempo, quando già diverse persone magari ne hanno fatto uso. Uno degli scandali più grandi risale a circa una settantina di anni fa, quando un noto marchio di latte per bambini fece morire diversi neonati per via delle contaminazioni avvenute durante la chiusura delle confezioni.

Dopo quell’episodio così tragico si cercò di aumentare al massimo i controlli sicurezza; i macchinari di oggi sono molto più all’avanguardia rispetto a quelli di settant’anni fa. Eppure, nonostante ciò, di anno in anno vengono fuori allarmi per determinati lotti di prodotti che hanno subito contaminazione. Nella maggior parte dei casi non si tratta comunque di pericoli di morte, ma le sostanze cancerogene a lungo andare possono portare diversi disturbi.

Riso contaminato, attenzione ai lotti: arriva l’annuncio del Ministero della Salute  

Si parla del ‘Riso Vialone Nano’ della marca Curtiriso. Il ritiro dei lotti è stato deciso dal Ministero della Salute che ha annunciato la comunicazione a livello nazionale per evitare un rischio chimico vista la possibile presenza di triciclazolo. Si tratta di un fungicida usato contro i parassiti del riso e di cui il Regolamento Ue 983 del 2017 ha fissato nuovi limiti massimi residui, in quanto sospettato di provocare alterazioni ormonali ed essere cancerogeno. Adesso le aziende si stanno riadattando ai nuovi limiti massimi, ma nel frattempo è bene evitare il consumo di questi specifici lotti che potrebbero avere triciclazolo in dosi eccessive e potenzialmente pericolose per il nostro organismo.

Riso
Riso cancerogeno – ilovetrading

In particolare i numeri dei lotti di produzione interessati al richiamo sono: il P22100472 con data di scadenza dell’8 ottobre 2024, venduto in confezione da 1 chilo, e il P22101164 con data di scadenza del 18 ottobre 2024 venduto in 2 confezioni da 500 grammi. Se fate uso del marchio, niente panico, controllate il lotto e nel caso corrispondesse, riportatelo nel supermercato dove acquistato.

Nel caso ne abbiate fatto uso, non allarmatevi, chiamate il vostro medico di fiducia e spiegate l’accaduto, sarà lui ad indirizzarvi verso la mossa più sensata. Si ricorda, infatti, che si parla di una possibile presenza della sostanza cancerogena, con l’utilizzo del condizionale da parte del Ministero, c’è quindi da sottolineare che non è detto che il consumo possa comportare danni, né che la sostanza sia effettivamente presente in dosi eccessive; si tratta di prevenzione. “Ai consumatori – si legge nella nota del ministero – è fatto divieto di mangiare il riso in oggetto e riportare le confezioni al punto vendita se sono già state acquistate”. Per ulteriori informazioni, è a disposizione il numero verde 800036457.