Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Se ho contratto debiti con segnalazioe al CRIF, posso aprire un conto corrente? La verità sui controlli banca e cliente

Foto dell'autore

Edoardo Corasaniti

Aprire un Conto Corrente nonostante la segnalazione al CRIF: Ecco cosa c’è da sapere in questa complessa normativa.

Spesso circolano equivoci riguardo all’accesso ai servizi bancari per coloro che sono stati segnalati al CRIF, la Centrale Rischi Finanziari gestita da enti privati e non collegata direttamente alla Banca d’Italia. Tuttavia, la realtà è diversa da quanto si possa pensare. In realtà, la legge italiana non vieta l’apertura di un conto corrente per chi è presente in questo registro, ma ci sono alcune sfumature da tenere a mente.

Conto corrente dopo segnalazione al CRIF
La legge non impedisce l’apertura di un conto corrente anche se sei segnalato al CRIF – ilovetrading.it

La segnalazione al CRIF avviene in caso di mancato pagamento delle rate di un finanziamento o quando il conto corrente finisce in rosso per un periodo prolungato. Questo può comportare l’inserimento del nome del debitore nel Registro dei cattivi pagatori, rendendo più complicato l’ottenimento di un nuovo conto corrente o di prestiti. Le banche, infatti, possono essere restie a fornire servizi finanziari a coloro che hanno avuto difficoltà creditizie in passato.

La durata della segnalazione varia a seconda della gravità del debito. Un’importante precisazione riguarda la cancellazione automatica dopo 5 anni dalla segnalazione. Tuttavia, esistono modi per risanare la propria storia creditizia e rimuovere la segnalazione. È fondamentale saldare i debiti pendenti e richiedere la cancellazione dall’elenco dei cattivi pagatori. Inoltre, i dati finanziari vengono condivisi anche con il Sistema di Informazioni Creditizie (SIC), registri che contengono informazioni sui clienti.

Come funziona il CRIF

Le attività del CRIF sono in linea con il Regolamento UE 2016/679, che tutela la privacy dei dati. È importante sottolineare che l’accesso alle informazioni del CRIF è gratuito e protetto da modalità di autenticazione sicure, come SPID, CNS o PEC.

Conto corrente dopo segnalazione al CRIF
Conto corrente dopo segnalazione al CRIF: cosa c’è da sapere – ilovetrading.it

Da non confondere con il CRIF è la Centrale Rischi della Banca d’Italia, che contiene informazioni riguardanti crediti e garanzie dei clienti delle istituzioni finanziarie. Essere segnalati in questa centrale non implica necessariamente lo stato di cattivo pagatore, ma può influenzare i tassi di interesse applicati sui prestiti.

Per chi si trova in difficoltà nel pagamento delle rate o nell’apertura di un conto corrente, ci sono alternative da considerare. La cessione del quinto dello stipendio o della pensione può essere una soluzione flessibile. Inoltre, esistono opzioni come le carte di credito senza un collegamento diretto a un conto bancario, o il conto corrente di base, il quale può rappresentare una soluzione per chi è in una situazione finanziaria particolarmente complicata.

In conclusione, la segnalazione al CRIF non impedisce di aprire un conto corrente, ma può influenzare la procedura e l’accesso a determinati servizi finanziari. È importante essere consapevoli delle proprie opzioni e cercare soluzioni alternative per gestire al meglio la situazione creditizia.

Impostazioni privacy