Con la stampa 3D puoi guadagnare tanto se conosci i settori giusti

La stampa 3d ha avuto un impatto davvero rivoluzionario in tantissimi settori. E’ un qualcosa che sino a pochi anni fa sarebbe sembrato impossibile ma che oggi è alla portata di tutti.

Durante le fasi iniziali dell’emergenza Covid persone particolarmente brillanti sono riuscite a stampare i respiratori, dei quali c’era un disperato bisogno, con le stampanti in 3d. Questo ha dimostrato, ancora una volta le strabilianti potenzialità di questa tecnologia. Ma se basta avere una stampante 3d a casa e saperla usare, questo non apre straordinarie possibilità di business? La risposta è si. Vediamo come si sta organizzando che ha avviato un’attività in questo settore. Innanzitutto è importante comprendere quali sono i settori nei quali le stampe in 3d possono essere realmente utili ed i prodotti possono avere realmente un mercato.

Tanti ambiti commerciali

Il primo ambito è sicuramente quello degli hobby e del collezionismo. Creare un pezzo introvabile può avere un grande valore presso gli appassionati. Ed il valore cresce anche nel mondo nerd. Realizzare su commissione le statuine degli eroi dei fumetti e cartoni giapponesi può consentire di entrare in un mercato molto ricco. Un altro settore e quello medicale e di aiuto alla persona. Per sua natura questo settore ha sia dei limiti notevoli che delle potenzialità enormi. I limiti sono legati alle regolamentazioni piuttosto stringenti da seguire in questo settore.

Leggi anche: Presidi-sceriffi contro prof. no-vax e in alcune regioni sono tanti i non vaccinati

Le potenzialità derivano dal fatto che gli strumenti che hanno a che fare con la salute devono per forza essere modellati sul fisico e sulle esigenze specifiche della persona.

Leggi anche: Perché Cina ed un giornale britannico definiscono i videogiochi una pandemia

Molto interessante è il settore dei gadget aziendali. Bello offrire ai propri clienti qualcosa di realizzato a partire dal logo dell’azienda. La tecnologia 3d è perfetta per questo. Poi da non sottovalutare anche la collaborazione con studi di architettura.