Con questo bonus ogni donna può diventare imprenditrice. Come approfittarne ora

Il divario economico e lavorativo tra i sessi in Italia e nel mondo è davvero marcato. Si parla tanto di gender gap ma le statistiche restituiscono un panorama assai diverso.

I progressi nell’inclusione della donna sul luogo di lavoro sono davvero nulli o quasi. E’ un tema buono per i comizi elettorali per i convegni, ma poi non resta quasi nulla di concreto. Ecco il panorama del lavoro femminile in italia. Le imprese assumono donne con difficoltà e con ritrosia e l’imprenditoria femminile è al lumicino rispetto a quella maschile. Ecco perchè il bonus di cui vi parliamo è un qualcosa di utile per provare a cambiare questo stato di cose e può essere un occasione speciale per tante donne che coltivano il sogno di diventare imprenditrici ma anche per quelle che lo sono già. Questo fondo per l’aiuto all’imprenditoria femminile non eroga solo soldi ma mira anche a promuovere la cultura del lavoro dell’imprenditoria femminile.

Un’opportunità per tutte le donne

Ma vediamo in concreto cosa serve per accedere al fondo per il sostegno all’imprenditoria femminile. Vi possono accedere le società di persone costituite almeno per il 60% da donne; cooperative con la medesima partecipazione femminile; le società di capitali che abbiano forte presenza femminile nell’amministrazione; anche le ditte individuali al femminile
le ditte individuali gestite da donne. Ma questo fondo è rivolto alle imprese al femminile ma non vuole sostenerle acriticamente. Lo scopo è quello di sostenere le idee d’impresa migliori. Dunque sarà cura della candidata presentare un business plan molto dettagliato ed una spiegazione, corredata di tutta la documentazione del caso, che spieghi i punti di forza del progetto.

Leggi anche: Criptovalute ormai mainstream: la SEC vicina ad approvare ETF su Bitcoin

Si dovrà convincere la commissione che l’idea è commercialmente valida e che con l’aiuto del fondo potrà diventare un’azienda solida nel suo contesto.

Leggi anche: Disastro digitale: in azienda solo il 7% è soddisfatto della digitalizzazione

E’ la legge di bilancio del 2021 ad aver previsto questi fondi a sostegno dell’imprenditoria femminile per quest’anno e per il 2022.