Social engagement: spieghiamo e misuriamo il segreto degli influencer di successo

Il numeri dei social network sono in crescita.

Non solo sono sempre di più i social che affollano internet, ma sono sempre di più le ore che passiamo sui social network. Ma sono anche in crescita coloro i quali decidono di debuttare in questo mondo come aspiranti influencer. Sicuramente le aziende di social media marketing in questo svolgono un ruolo fondamentale perché sono loro ad incoraggiare ad entrare in questo mondo. Infatti se non vi fossero le aziende di social media marketing a garantire lauti guadagni per le sponsorizzazioni per le pubblicità e in generale per le campagne di advertising o di brand awareness sicuramente questo mondo sarebbe meno appetibile e meno interessante. Tuttavia chi entra in questo mondo, molto spesso è ossessionato dai numeri. In sostanza alcuni ritengono che il peso di un influencer sia direttamente proporzionale al numero dei suoi follower.

Il coinvolgimento è determinante

Gli esperti di social media marketing spiegano che non è assolutamente così. Certo il numero dei follower conta molto, ma conta anche il livello di engagement di un influencer. Ma cosa vuol dire in engagement? Per Social engagement si intende quella spinta che hanno i follower ad interagire a rispondere a seguire a commentare ea condividere i contenuti dell’influenzcer preferito. Cioè quanto più i follower sono spinti ad interagire e a dimostrarsi fedeli tanto più alto sarà l’engagement. Insomma un collezionista di follower vale meno di chi è al centro di un mondo di interazioni interessate e motivate.

Leggi anche: Il prelievo bancomat diventa un alleato per il tuo risparmio

Quando un social media advertiser sta monitorando un micro influencer per cercare di capire se ha la stoffa per crescere, non è tanto il numero dei follower che guarda ma il livello di engagement che riesce a creare.

Leggi anche: Le bollette di luce e gas potrebbero triplicare: gas e petrolio si impennano.

Dunque questo è il discrimine è più forte tra quei micro influencer che restano tali e quelli che poi invece riescono a crescere