Allarme criptovalute: sono ovunque. Se sono una bolla, dallo scoppio non si salva nessuno

Le criptovalute sono il caso del momento.

Dopo l’approvazione dell’etf su Bitcoin da parte della Sec è evidente che le cripto sono un tema caldissimo anche perché ormai tutti ci vogliono investire. Quello dell’etf su Bitcoin da parte della Sec era una sorta di muro, di Taboo caduto il quale ormai le criptovalute sono mindstream e tutti si sentono autorizzati di investirci. Ma il numero uno della Bank of England ha ricordato che attualmente le criptovalute circolanti nel mondo hanno un controvalore doppio rispetto a quello dei suprime che circolavano nel 2008. Per quanto tempo ci siamo detti che la regolamentazione dei subprime aveva delle falle e che troppi ne hanno approfittato? La Banca Centrale inglese mette in luce come la regolamentazione dei suprime era magari carente, tuttavia esisteva.

Troppo sistemiche

Mentre invece le criptovalute non hanno alcuna forma di regolamentazione. Dunque un valore immenso che non è regolamentato assolutamente da nessuno. Non vogliamo qui entrare nella infinita diatriba se le criptovalute siano soltanto una bolla come sostiene qualcuno, oppure siano qualcosa di sano come sostengono altri. Il mondo finanziario è spaccato su questo punto. Quello che qui si vuole sottolineare è: se sono una bolla, ormai sono troppo sistemiche e nessuno può sfuggire allo scoppio. Di conseguenza dobbiamo sperare che abbiano ragione coloro i quali sostengono che siano un qualcosa di sano e destinato a durare. Perché ormai sono entrate dalla porta principale nel mondo finanziario e sono in un’infinità di portafogli e vengono utilizzate per un numero imprecisato di transazioni. Dunque ormai sono entrate in circolo nel sistema e se si tratta di bolla, lo scoppio non può lasciare ormai più indenne nessuno.

Leggi anche: Le borse salgono, le criptovalute e le materie prime anche e a qualcuno i conti non tornano

Non si vuole qui in alcun modo criminalizzare l’entusiasmo dei tanti che credono nelle criptovalute e che magari hanno anche ragione.

Leggi anche: Febbre da NTF. Un milione di prenotazioni per la piattaforma che non esiste ancora

Semplicemente con troppa fretta le si è fatte penetrare in ogni ambito della finanza e del risparmio.