Bitcoin mette il turbo: l’inflazione ai massimi da 30 anni attira i risparmiatori

Il Bitcoin vede rinforzare la sua posizione come strumento di tutela contro l’inflazione.

Ieri sono stati pubblicati i dati sull’inflazione tedesca, ma anche quelli sull’inflazione degli Stati Uniti e sono stati veramente deludenti. L’inflazione è ai massimi da 30 anni e questo significa che i risparmiatori cercano beni di rifugio per proteggersi da un’inflazione che ormai più nessuno considera leggera o transitoria. Le banche centrali per mesi hanno ripetuto il mantra dell’infrazione leggere transitoria, ma ormai i numeri le smentiscono clamorosamente. Secondo gli analisti questo è un momento d’oro per il Bitcoin perché con l’alta inflazione saranno in tanti a diversificare sulle criptovalute per arginare questo fenomeno. Ma certamente non è solo l’inflazione a dare forza al comparto delle criptovalute. Il Bitcoin è sempre più usato in tanti circuiti di pagamento e si vocifera che anche Amazon stia sviluppando un progetto per accettarlo come fosse una qualsiasi valuta.

Strumento contro l’inflazione

Le città di Miami e di New York anno creato le loro criptovalute metropolitane. L’etf su Bitcoin approvato dalla Fed in un certo senso ha offerto agli investitori l’idea che il Bitcoin e le altre cripto siano ormai un qualcosa di assolutamente accertato dalla comunità finanziaria internazionale. Riteniamo importante ad ogni modo sottolineare che le criptovalute a tutt’oggi non hanno alcuna forma di regolamentazione e questo suscita sicuramente un certo allarme. Dunque l’alta inflazione le renderà certamente più popolari e più diffuse, ma questo non toglie che si tratta di un fenomeno complesso e che avrà bisogno di essere regolamentato per evitare speculazioni pericolose per gli investitori. D’altra parte anche tanti popolari analisti tecnici vedono forti rialzi all’orizzonte e questo è un altro elemento di interesse verso la principale criptovaluta.

Leggi anche: Il Laos è il nuovo paradiso dei minatori di Bitcoin e ci guadagnerà tanto

Ma in tanti temono che quella delle cripto sia una bolla e se così dovesse essere è importante il compito dei regolatori.

Leggi anche: Disorientamento da Bitcoin: perché gli investitori sono confusi dalle criptovalute

I regolatori di vari paesi stanno lavorando a regolamentazioni che possano scongiurare questi rischi.