Bonus taxi: viaggiare ti costa la metà. Vediamo per chi

Il bonus taxi è sicuramente un aiuto gradito per molte categorie di persone.

Infatti il bonus taxi va ad aiutare tutta una serie di categorie più fragili offrendo loro addirittura un dimezzamento del costo della corsa in taxi. Vediamo come funziona. Come detto il costo della corsa in taxi viene dimezzato. Dunque il bonus taxi vale il 50% della singola cosa, ma ha un tetto di €20. Dunque la corsa entro i €40 subisce uno sconto del 50%, ma il costo che supera i €40 è a carico nostro senza sconti. Se ad esempio, ci si muove in taxi e si fa una corsa che costa entro i 40 euro si vedrà il costo dimezzato. Se la corsa supera i 40 euro, ecco che lo sconto sarà meno del 50%.

Vediamo chi ne beneficia

Ne usufruiscono una serie di categorie. Vediamo quali. Ne usufruiscono i maggiorenni con una disabilità certificata. Ne possono usufruire anche le persone in stato di bisogno dal punto di vista economico. Anche beneficiarie le donne in stato di gravidanza. Inoltre nel beneficiano anche tutti i cittadini che abbiano almeno 65 anni. Requisito fondamentale è la tracciabilità del pagamento. Quindi il pagamento va fatto con carta di credito o bancomat. La richiesta di questi buoni va fatta on-line al proprio comune. Infatti è il comune a stabilire limiti e normative relative all’erogazione dei bonus. Un po’ come i buoni spesa, anche in questo caso abbiamo un bonus messo in campo a livello governativo, ma al quale poi sono i comuni a dare applicazione pratica creando normative autonome alle quali fare riferimento.

Leggi anche: Addio al bonus 100€ (ex bonus Renzi). Vediamo da cosa sarà sostituito

Dunque in concreto si dovrà verificare che il taxi sia abilitato a praticare lo sconto.

Leggi anche: Il nuovo bonus animali domestici è più ricco: approfittane subito

Il tassista dovrà fotografare il QR Code oppure digitare il codice PNR e così si avrà diritto allo sconto.