PostePay bloccata: ecco la nuova truffa via mail e come difendersi

Purtroppo dobbiamo segnalarvi l’ennesima truffa che ha al centro i clienti di Poste Italiane.

L’attività di truffatori ed imbroglioni è sempre molto dinamica e purtroppo è arrivata l’ennesima truffa prontamente segnalata dalle forze dell’ordine. Al malcapitato arriva un’email nella quale viene comunicato che la propria Postepay è in blocco. Dunque si è caduti in una serie di problemi tecnici che richiedono la nostra immediata attenzione. Nell’email si fornisce un link sul quale andare per regolarizzare la propria posizione e sbloccare la Postepay. Ma ovviamente guai a cliccare sul link: si tratta soltanto di un link truffaldino che consentirebbe ai truffatori di derubarci delle nostre informazioni sensibili relative alla carta Postepay.

Massima attenzione

Insomma l’ennesima truffa. Questa volta però l’imbroglio è fatto in modo un po’ più superficiale rispetto alle altre. Infatti l’indirizzo riportato è solo simile, ma non proprio uguale a quello di Poste Italiane e nel testo sono rinvenibili addirittura errori di ortografia. Insomma una truffa un po’ più facilmente riconoscibile rispetto ad altre avvenute in passato. Ma non meno pericolosa. Il consiglio delle forze dell’ordine è quello di non cliccare assolutamente sul link e segnalare prontamente ai contatti (reali questa volta) di Poste Italiane che si è stati oggetto di questo tentativo di frode informatica. Cadere in queste truffe è davvero pericoloso perché si consegnano involontariamente i propri dati sensibili agli imbroglioni e il rischio è quello di vedersi svuotare la propria Postepay. Ma in questo periodo è tornata anche un’altra temibile truffa: ve la raccontiamo nell’articolo sotto.

Leggi anche: Attenzione: torna su WhatsApp la truffa del finto codice, una delle peggiori

Ma anche il dorato mondo delle criptovalute non è esente da proposte truffaldine che stanno mettendo nei guai gli utenti.

Leggi anche: Crisi di fiducia nelle crypto: troppe truffe e la gente fugge

Insomma purtroppo l’attenzione nei confronti dei malintenzionati deve essere massima.