Google, arriva la nuova data per il lancio dei visori a realtà aumentata

L’azienda di Cupertino ha pubblicato un annuncio in cui viene tracciata una road map per il lancio dei nuovi visori a realtà aumentata. Una sfida non da poco, considerato che i primi Google Glass lanciati nel 2013 si rivelarono molto presto un clamoroso fallimento commerciale. 

Non si ferma la corsa alla realtà aumentata da parte dei grandi colossi tecnologici. Una parte fondamentale di un metaverso di cui non avrà certo l’esclusiva soltanto Facebook. E Google sembra aver fatto dei grossi passi in avanti in tal senso negli ultimi mesi. La holding Alphabet, ha infatti annunciato lo sviluppo di un nuovo sistema operativo che sarà messo a disposizione dei dispositivi indossabili di ultima generazione. Bisognerà però risollevare le sorti dei Google Glass, ovvero gli occhiali intelligenti lanciati per la prima volta dall’azienda di Cupertino nel 2013, senza però mai generare il successo commerciale sperato. Adesso Google ha deciso di assumere uno dei grandi esperti del settore, Mark Lukovsky, già dipendente di Microsoft e Facebook in passato. 

Google, il nuovo annuncio sullo sviluppo della realtà aumentata

Sarà lui adesso a occuparsi di progettare una nuova versione dei visori a realtà aumentata. Anche perché, la concorrenza non sta certo a guardare. Apple ad esempio si è impegnata a lanciare un nuovo visore a realtà mista entro il prossimo anno. Per questo l’annuncio di Google è stato perentorio e teso a rassicurare gli investitori: “Siamo concentrati sul rendere l’informatica immersiva e accessibile a molte persone tramite dispositivi mobili. Vogliamo creare esperienze AR avvincenti su hardware e piattaforme personalizzate”. 

Leggi anche: Fattura elettronica 2022: tante novità, anche forfettari, medici, esterometro

Leggi anche: Licenziamenti su WhatsApp? Il Ministero pensa a nuova legge: di cosa si tratta

È stato poi spiegato dall’azienda di Cupertino, che diversi sviluppatori sono stati dirottati in questo comparto proprio per aumentare la “potenza di fuoco” del personale