Decreto energia: ISEE più alto ed il bonus bollette si allarga, ecco chi festeggia

Il decreto energia è un provvedimento largamente atteso da parte del Governo per cercare di tamponare la durissima situazione di famiglie e di imprese relativamente ai tremendi rincari degli ultimi mesi.

Con questo decreto cambia tutto per quello che riguarda il bonus bollette, ma non solo. Dapprima la spirale inflazionistica e poi la guerra in Ucraina e il temuto default russo hanno messo sottosopra l’economia mondiale.

La conseguenza è sotto gli occhi di tutti: il prezzo delle bollette di luce e gas ma anche il costo di diesel e benzina sono schizzati alle stelle. Per le famiglie, specialmente per quelle in maggiore fragilità economica, andare avanti è diventato difficilissimo. Ma anche tante imprese rischiano di fermarsi ed è tutto il paese ad essere in sofferenza. Con il decreto energia il governo va ad occuparsi proprio dell’annosa questione delle bollette e di quella dei carburanti.

4,4 miliardi di euro

Questo provvedimento vale addirittura 4,4 miliardi di euro. Questa cifra va a sommarsi ai 16 miliardi precedentemente stanziati dall’esecutivo per un totale di oltre 20 miliardi.

Si tratta di una spesa forte per le casse dello Stato ma il rischio per tante famiglie è veramente consistente. Una misura cruciale di questo decreto sull’energia è il limite ISEE. Ricordiamo infatti che per usufruire del bonus bollette precedente si doveva essere un nucleo familiare con un ISEE al di sotto degli €8000. Questo ha permesso a tante famiglie in condizioni di fragilità di poter beneficiare del bonus sociale sulle bollette.

Nuovo ISEE e nuovo bonus

Ma tante altre famiglie in serie difficoltà non ne hanno potuto beneficiare. Con il nuovo decreto sull’energia l’ISEE sale a €12000. Ma questo cosa cambia concretamente per le famiglie? Con il nuovo ISEE le famiglie che possono beneficiare dei bonus sociali sull’energia salgono a ben 5,2 milioni. Una vera boccata d’ossigeno per tanti. Ma una delle novità di questo decreto è che la maggior parte degli interventi stabiliti non vanno a gravare sul bilancio pubblico. Il governo ha infatti deciso di tassare gli extra profitti dei giganti del mondo dell’energia. Dunque i colossi del mondo dell’energia che stanno facendo lauti profitti grazie ai rincari vedranno una tassazione extra sui profitti in più.

Decreto di solidarietà

Difatti il Governo ha presentato questo decreto come un decreto dalla natura redistributiva. Con i soldi extra dei grandi player del mondo dell’energia si va ad ampliare la platea del bonus sociale. Dunque i nuovi bonus elettrico gas ed idrico si potranno richiedere anche per quelle famiglie con un ISEE compreso tra gli 8 e i €12000 che sino ad oggi erano state escluse. Una volta ottenuto il bonus lo sconto sarà contabilizzato direttamente sulla bolletta. Ma non dimentichiamo che i beneficiari di reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza continuano a ricevere comunque sia il bonus sociale in automatico.