Pompe di benzina manomesse: scoppia lo scandalo, scopri chi ti sta fregando

In questo periodo di gravissimi rincari che mettono in ginocchio famiglie ed imprese, scoprire che alcuni benzinai siano approfittando della situazione per lucrare indebitamente è davvero brutto.

Purtroppo però è quanto sta avvenendo in tante parti d’Italia. Le autorità non si fidano dei prezzi abnormi lamentati dai consumatori e temono che oltre ai rincari effettivi della benzina ci sia anche qualche furbo che cerca di raggirare i poveri automobilisti.

Così in Italia sono partiti i controlli a tappeto da parte della Guardia di Finanza e non solo ed un numero considerevole di pompe di benzina sono apparse manomesse.

Brutte frodi sui carburanti

Si tratta di una pratica gravissima che è una vera e propria truffa ai danni del consumatore, ma vediamo come funziona e come difendersi. Il benzinaio poco onesto in realtà ha tante vie per riuscire a truffare l’automobilista.

Mettendosi d’accordo con un tecnico compiacente può manomettere la pompa di erogazione della benzina in modo tale che il contatore dei litri scatti in modo disallineato rispetto alla realtà. Oppure può partire già da una determinata cifra in realtà non erogata. Gli artifici tecnici per riuscire a fare apparire che sia stato erogato più carburante di quello reale in realtà sono tanti.

Guardia di Finanza

La guardia di finanza sta controllando con l’ausilio dei tecnici le pompe di benzina proprio da questo punto di vista e purtroppo tante sono emerse come manomesse. Questo è un danno enorme per i cittadini e per il sistema perché fare rifornimento è già costosissimo, se in più ci mettiamo anche queste truffe ecco che i conti rischiano di non tornare in modo davvero pesante. Ma come fare a difendersi da queste frodi? Quando la frode è più semplice e riguarda semplicemente un prezzo esposto fuori diverso da quello poi erogato dalla pompa chiaramente accorgersene è molto semplice. Chiunque di noi con un minimo di attenzione lo può fare.

Come scoprirli

Ma quando la pompa è stata manomessa è molto difficile rendersi conto che i litri erogati sono diversi da quelli effettivamente pagati. Però se il dubbio ci viene e ci appare legittimo è giusto segnalarlo alle forze dell’ordine. Saranno poi le forze dell’ordine a fare eventualmente i controlli del caso con l’ausilio della strumentazione tecnica più appropriata. Un brutto scandalo che getta una cattiva luce sui benzinai. Ma attenzione: la maggior parte sono onesti e stanno patendo i rincari peggio di altre categorie.