Allarme cibi in scatola: forte rischio di Bisfenolo A, cosa sappiamo

In questo periodo purtroppo si stanno intensificando gli allarmi sulla qualità del cibo.

Tutti noi compriamo grandi quantità di cibo al supermercato e diamo per scontato che questo cibo sia vagliato da controlli molto stretti. In linea di principio è così ma ultimamente si stanno segnalando dei casi molto sospetti.

Mentre gli italiani sono spaventati dalla possibilità che il cibo al supermercato si riduca sempre di più a causa della guerra, arrivano anche questi nuovi allarmi alimentari. Il problema questa volta riguarda le scatolette di cibo.

Bisfenolo A, un nemico dei cibi il lattina

Il cibo in lattina che consumiamo quotidianamente è veramente tanto questo perché le lattine sono uno strumento formidabile per conservare legumi, ma anche qualsiasi altro tipo di cibo.

Si dice che sia stato l’esercito Napoleonico di introdurre la pratica del cibo in scatola. Ad ogni modo questa è estremamente diffusa. Il problema è però che nelle lattine sono contenute delle sostanze che possono finire nel cibo e alcune di queste sono pericolose. Tra queste abbiamo il bisfenolo A. Questa è una delle sostanze che è contenuta nelle lattine e che può finire nel cibo che mangiamo. Tonno, legumi, mais, pesche sciroppate, sono tantissimi gli alimenti che vengono conservati nelle praticissime lattine.

Tanti cibi contaminati

Ma adesso arriva un nuovo studio che sta facendo molto scalpore. Questo studio proviene dalla Germania ed ha coinvolto cibi che sono stati monitorati dal 2014 al 2021. Le istituzioni per il controllo alimentare di Baden-Wuerttemberg hanno pubblicato questo studio. I cibi in scatola controllati sono stati oltre 400, molti sono risultati contaminati e alcuni di essi arrivano anche in Italia. Purtroppo del problema del bisfenolo A si parla da tempo e molti pensavano che i problemi legati a questo inquinante fossero ormai risolti per quello che riguarda le lattine. Ma questo nuovo studio tedesco dimostra che non è così perché molti dei cibi esaminati sono risultati i contaminati.

18 tipi di bisfenoli

Addirittura nei vari campioni sono stati riscontrati 18 tipi di bisfenoli e di loro derivati. Si attendono studi simili anche in Italia per mettere a fuoco quali sono i cibi pericolosi per noi che circolano nel nostro paese. Purtroppo le sostanze appartenenti alla famiglia dei bisfenoli, molto facilmente possono finire nel cibo che è stato conservato in scatola e notoriamente in Italia si fa un grande consumo di questo tipo di prodotti. Sicuramente lo studio tedesco allarma, ma è il caso di capire quanto il problema coinvolga anche noi.