730, ecco gli errori che avvantaggiano il Fisco

Nella compilazione del famigerato modello 730 ci sono degli errori da evitare in quanto avvantaggiano il Fisco. Ecco quali sono

Pagare le tasse è giusto e permette ad un Paese di crescere e ai suoi cittadini di avere servizi all’avanguardia e funzionanti. Proprio per questo, il governo, come anche quanto stabilito dagli obiettivi del Pnrr, ha deciso di combattere una dura lotta all’evasione fiscale, in modo da recuperare miliardi di euro altrimenti persi.

(Ansa)

Tuttavia, è necessario fare attenzione durante la dichiarazione dei redditi, in quanto si potrebbero commettere degli sbagli molto fastidiosi. Nella compilazione del modello 730, infatti, ci sono degli errori da evitare in quanto avvantaggiano il Fisco. Ecco quali sono.

Ecco gli errori da evitare nella compilazione del 730

Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, grazie ai controlli automatizzati riferiti a oltre 40 milioni di dichiarazioni fiscali dei contribuenti, l’Agenzia delle Entrate ha incassato ben 5,25 miliardi di euro solo nel 2021. Si tratta di circa il 38% della cifra che, grazie ai controlli delle autorità, è stata recuperata dagli evasori delle tasse.

Il modello 730 è una procedura delicata che andrebbe fatta, se non se ne hanno le competenze sufficienti, con grande attenzione e con l’ausilio di un professionista, come un Caf o un commercialista. Nel caso in cui, infatti, si compili in maniera erronea un modello 730, è necessario comunicarlo tramite un 730 rettificativo.

Nel caso in cui, invece, il contribuente si accorge solo successivamente di aver presentato una documentazione incompleta, è possibile procedere con il modello 730 integrativo. Grazie a questo documento, infatti, il contribuente può correggere gli errori trasmessi con il modello precedente.

(Ansa/Franco Silvi)

Dunque, se si decide di correggere un modello 730 precedentemente inviato, è possibile farlo tramite il modello integrativo entro il 25 ottobre di ogni anno. Questa possibilità è ammessa anche nel caso in cui il contribuente voglia correggere i dati del sostituto d’imposta.

Coloro che hanno intenzione di procedere con questa documentazione, devono sapere che esistono alcune tipologie di modello 730 integrativo. Nello specifico sono 3:

  • Codice 01, utilizzato per correggere redditi dichiarati in eccesso, oppure per inserire oneri detraibili o deducibili dimenticati in precedenza;
  • Codice 02, per correggere soltanto i riferimenti del sostituto d’imposta. È chiamato anche di tipo neutro;
  • Codice 03, utilizzato per correggere i dati del sostituto d’imposta e i redditi computati in eccesso.