Bonus €1000 per le famiglie: divisibile tra i genitori, ma c’è il tetto ISEE

In questo periodo di forte crisi per le famiglie, qualsiasi bonus messo in campo dal Governo può essere prezioso.

Le famiglie italiane fanno davvero fatica ad andare avanti con i terribili rincari.

EPA/ETTORE FERRARI / POOL

Luce gas benzina e cibo, tutto aumenta con la forte inflazione e con la guerra in Ucraina e per le famiglie le difficoltà non mancano.

Un bonus che può essere prezioso

In questo periodo i bonus governativi risultano particolarmente importanti e preziosi. Infatti proprio grazie a questi bonus le famiglie riescono ad avere una boccata di ossigeno e riescono a potersi permettere qualcosa di più.

Pixabay

Come sappiamo per una famiglia le spese non mancano mai e quelle legate ai figli possono essere veramente forti. Questo bonus di €1000 pensato dal Governo è focalizzato proprio sui nuclei familiari italiani con figli. Infatti gli unici a poter beneficiare di questo bonus sono proprio quei nuclei familiari che abbiano ragazzi tra i 5 e i 18 anni. Inoltre per poter beneficiare del bonus, il nucleo familiare deve avere un ISEE entro i €36.000.

Riservato alle famiglie con figli

Dunque parliamo di un limite non particolarmente basso. Questo bonus aiuta le famiglie proprio per quanto riguarda le spese legate all’istruzione dei figli. Infatti questo bonus consente di avere una detrazione IRPEF al 19% per tutte le spese relative all’istruzione musicale dei figli. Proprio per questo, questa detrazione fiscale viene anche detta bonus musica. Vediamo come funziona. Possono essere portate in detrazione fino al tetto massimo di €1000 tutte le spese necessarie per l’educazione musicale dei ragazzi dai 5 ai 18 anni. Questo bonus è piuttosto ampio perché non è legato unicamente alle spese del conservatorio ma si può applicare anche a scuole di musica, cori oppure bande. Insomma sono varie le situazioni nelle quali questo bonus può essere effettivamente utilizzato. Oltre ai paletti visti sopra, un paletto fondamentale è dato dalla modalità di pagamento di queste spese.

Divisibile tra i genitori

Infatti potranno essere portate in detrazione fino al limite di €1000 rigorosamente le spese pagate con modalità tracciabile. Dunque vi deve essere una chiara prova di queste spese sostenute per l’educazione musicale e solo così si potrà ottenere la detrazione IRPEF al 19%. Questo bonus rappresenta per tante famiglie l’opportunità di avere una mano in una spesa che può arrivare ad essere anche importante per un nucleo familiare. Questa detrazione IRPEF può essere fruita da un solo genitore oppure suddivisa tra i due genitori. L’Agenzia delle Entrate è intervenuta proprio su questo punto chiarendo che non ci sono vincoli riguardo alla fruizione della detrazione.