Bonus €300 no ISEE una tantum solo per famiglie: come averli subito sul conto

In questo periodo per gli italiani è particolarmente difficile andare avanti e le famiglie devono fare i conti con rincari sempre più forti di tutte le normali voci della vita di tutti i giorni.

La luce e il gas la benzina aumentano senza tregua e purtroppo la guerra in Ucraina non accenna a risolversi e di conseguenza secondo gli esperti le stangate continueranno per un bel po’.

ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Per tante famiglie andare avanti ormai è difficilissimo e non sorprende che gli italiani stiano chiedendo in massa il reddito di base universale europeo.

Bonus da 300 euro: aperto a tutte le famiglie

Infatti ormai tante famiglie temono di non avere più nemmeno il minimo per andare avanti e il reddito di base diventa un argomento sempre più caldo. Ma dal Governo arriva un bonus che può dare una boccata di ossigeno alle famiglie italiane. Si tratta di un bonus da €300 che non prevede un tetto ISEE.

Questo bonus è focalizzato su un’esigenza sempre più forte delle famiglie moderne che si riverbera tanto sul lavoro che sullo studio e stiamo parlando della connessione a Internet. Questi €300 infatti consentiranno alle famiglie di avere una connessione super veloce a spese dello Stato. Il bonus funziona così: consentirà di avere una connessione di minimo 30 mbps e non ci sono particolari requisiti dal punto di vista ISEE quindi sarà aperto a tutti i nuclei familiari. Si tratta in definitiva di un voucher da €300 che dura 24 mesi ed il fondo stanziato dal Governo è pari a 400 milioni di euro.

Il vero limite del bonus

L’unico vero requisito per ricevere questo bonus è quello di non avere una linea internet nella propria casa oppure avere una connessione dalla velocità inferiore ai 30 mbps. Quindi se si ha una connessione dai 30 mbps in su non si potrà chiedere il bonus. Questi €300 serviranno a coprire il 50% del contratto con l’operatore. Ma la notizia positiva è che se si utilizzerà questo voucher con un operatore ciò non impedirà di cambiare operatore in un secondo tempo. Quindi l’operatore internet non potrà dire al cliente che se cambia gestore poi perderà il bonus. Proprio nel nella normativa che ha stabilito questo bonus questo concetto espresso chiaramente proprio per evitare che gli operatori approfittino del bonus per bloccare presso di loro i clienti. Questo bonus rappresenta una occasione per svecchiare le connessioni degli italiani.