Truffa del supermercato: “guai a fidarsi” i clienti con i conti svuotati

Il supermercato in questo periodo è davvero un elemento difficile per le famiglie italiane sempre più nei guai con i continui aumenti.

Se fino ad un certo punto sembrava che gli aumenti riguardassero soltanto le bollette e la benzina, ma emerge sempre più chiaramente che anche il cibo non è esonerato da questa spirale inflazionistica.

EPA/MADE NAGI/ANSA

Ma una nuova truffa al supermercato sta colpendo tanti Italiani ed è importante conoscerla per capire come evitarla e come difendersi. Gli italiani in questo periodo stanno cercando di risparmiare in ogni modo.

Una truffa pericolosa

Logicamente proprio al supermercato si cerca di fare la massima economia. E’ emerso da recenti sondaggi come gli italiani pur di far economia sono disposti anche a rinunciare alla qualità e ad acquistare merce decisamente scadente.

Pixabay

Insomma in questo particolare momento storico il risparmio la fa davvero da padrone. Il problema però è che adesso una insidiosa truffa rischia di stangare tanti cittadini e purtroppo a già mietuto un bel po’ di vittime. Questa truffa del supermercato sembra offrire ai cittadini proprio la possibilità di un bel risparmio presso il loro supermercato di fiducia. E quindi chiaramente risulta piuttosto allettante per i consumatori. Questa truffa sta girando molto su internet e sono sia i social network che anche i sistemi di messaggistica come WhatsApp a farne da veicolo.

Come difendersi

Tutto ruota attorno ad un comunicato che promette buoni spesa dal valore anche molto importante messi in palio da una nota catena di supermercati. Sapendo di poter ottenere un grosso buono spesa chiaramente il consumatore è spinto ad interessarsi a questa proposta. Anche perché per ottenere il buono spesa la procedura è semplicissima: basta rispondere ad un semplice sondaggio e poi inviare un piccolissimo contributo di spese di spedizione per ottenere direttamente a casa il ricco buono. Tanti ci sono cascati ma in realtà si tratta solo di una truffa. La catena di supermercati citata è completamente estranea ai fatti e non ha messo in palio nessun bonus.

Cosa si rischia

Tutto questo marchingegno serve soltanto a fare in modo che tramite il pagamento con carta di credito le vittime della truffa forniscano i dati della propria card ai truffatori che poi potranno servirsene a proprio comodo. Dunque quando si incontra questo genere di comunicati sui social è molto importante evitarli e non cliccare sui link contenuti. E anche molto importante non condividere questi messaggi. Infatti molti in buona fede condividono questi messaggi e facendo così involontariamente aiutano i truffatori.