Libretti e conti dormienti: scatta la tolleranza zero e tanti perderanno i soldi

I libretti dormienti e i conti dormienti in Italia sono veramente tantissimi.

Libretti postali o conti correnti aperti anni o decenni fa spesso vengono lasciati letteralmente abbandonati e praticamente dimenticati.

ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Si tratta di libretti o conti aperti un po’ come dei salvadanai da conservare senza una scadenza. In Italia sono veramente tantissimi ma adesso rischiano grosso.

Tanti conti e libretti: cosa fare

Si parla di conto dormiente o di libretto dormiente in tutti quei casi in cui il conto o il libretto sia rimasto senza nessuna operazione compiuta negli ultimi 10 anni. Quando si arriva a 10 anni la banca o la posta invia una comunicazione al correntista e da quel punto bisogna subito intervenire.

Pixabay

Se non si interviene prontamente, letteralmente si perde il conto o il libretto. Poste Italiane sta inviando una imponente serie di comunicazioni ai titolari di tantissimi libretti ma è noto che molte di queste comunicazioni in realtà non raggiungeranno i loro destinatari. Molto spesso si tratta di persone anziane che magari hanno cambiato residenza o che letteralmente non seguono e non si curano di questi affari.

Come muoversi con tempestività

In tutti questi casi il libretto rischia di andare in fumo. È importante quindi verificare se si hanno libretti o conti correnti dormienti oppure se i propri parenti, specie quelli più anziani hanno situazioni di questo genere. Vediamo di capire che cosa sta succedendo. Poste Italiane e sta mettendo in guardia i titolari dei libretti con queste comunicazioni. I titolari dei libretti hanno dunque poco tempo per fare una qualsiasi operazione col proprio libretto. Questo vale anche per i conti correnti. Basta fare un bonifico, oppure pagare una bolletta attraverso il proprio conto corrente o il proprio libretto perché i 10 anni ricomincino a decorrere e non si rischi più niente.

Le cose da evitare

Dunque in realtà uscire fuori dal pericolo del conto corrente dormiente è facilissimo. Il problema è che molto spesso questi conti sono letteralmente dimenticati. Molti titoli titolari di conti correnti e soprattutto di libretti postali in realtà ignorano il problema dei conti dormienti e ritengono che sia assolutamente normale far passare tanti anni su un conto o su un libretto senza fare assolutamente nulla. Dunque anche andando oltre la situazione evidenziata da Poste Italiane e che si riferisce a tantissimi libretti delle poste, questo concerto deve essere chiaro a tutti per quello che riguarda qualsiasi conto e qualsiasi libretto.