Fiat Panda col Bonus conviene? Ma col problema dei 180 giorni puoi non averla comunque

 I nuovi bonus auto sono completamente diversi da quelli vecchi.

Infatti lo scopo dei nuovi bonus auto è innanzitutto quello di aiutare gli italiani a cambiare l’automobile ma soprattutto quello di cercare di rivitalizzare un settore come quello dell’auto che ormai è in profondo rosso.

Pixabay

Il calo delle immatricolazioni è continuo e tante aziende sono in forte difficoltà. La pandemia di covid poi l’inflazione e la crisi dei chip hanno messo nei pasticci l’industria dell’auto.

La Panda col Bonus Auto

Ma con i nuovi bonus permessi dal governo il risparmio sull’auto può arrivare anche a €5000.

Pixabay

Ovviamente bisogna tenere conto di tante cose, ma vediamo concretamente che cosa cambia per la Panda una delle auto più amate dagli italiani. La Panda col motore ibrido parte dai €15000 mentre la Panda Cross che ha l’assetto rialzato parte da €14132. Sfruttando l’acquisto on-line la Panda scende a 12945 euro. Per la Panda Cross si scende a €14132. Ma queste due vetture possono accedere ai famosi incentivi dello Stato? Il bonus auto ha una vocazione sostanzialmente ecologica infatti va a premiare le auto elettriche o comunque le auto bassa emissione e si hanno €1000 in più se si rottama un’auto vecchia.

Una convenienza da non sottovalutare

Quindi sostanzialmente il bonus è proporzionale a quanto sia ecologica la nuova auto e al fatto che si dia indietro una inquinante auto datata. Per la Panda si può ottenere al massimo uno sconto di €2000 ma soltanto rottamando la vecchia auto. Quindi In definitiva la Hybrid base parte da €13000, che grazie al bonus diventano 10945 euro ma sempre prenotando on-line. Invece la GPL arriva ad un prezzo di €11657. Queste sono le quotazioni che fa Quattroruote. Dunque sicuramente prezzi interessanti e di cui approfittare, ma vanno sottolineate alcune cose che possono essere importanti per gli automobilisti.

Il problema dei 180 giorni

Innanzitutto siamo molto lontani dal vecchio bonus che arrivava addirittura a €10000. In secondo luogo non è chiaro se questi bonus potranno effettivamente rivitalizzare il comparto dell’auto. La forte crisi economica e lo spettro della recessione stanno contraendo molto le immatricolazioni. Il problema maggiore è che per usufruire del Bonus devono passare 180 giorni tra contratto ed immatricolazione. Ma le auto sono lente e difficili da produrre. E se si dovessero superare i 180 giorni tutto andrebbe in fumo. Il governo lavora ad una proroga.