Italia senza grano: si avvicina l’incubo, fai subito scorta di questi cibi

La guerra del grano è molto pericolosa per gli italiani, ma la crisi di questa materia prima è globale.

Russia ed Ucraina valgono da sole il 28% del grano mondiale e Putin ha lanciato una vera e propria guerra del grano.

ANSA/US PALAZZO CHIGI/FILIPPO ATTILI

Bloccando il grano dalla sua Russia e dall’Ucraina occupata ha scatenato una penuria mondiale di questo alimento.

Allarme grano: cosa rischiano gli italiani

Putin ha bloccato il grano russo ed il grano ucraino e di conseguenza le quotazioni di questa preziosa materia prima sui mercati internazionali sono esplose.

Pixabay

Per i consumatori Italiani è l’ennesima stangata perché questo vuol dire che pane, pasta, biscotti, fette biscottate, ecc. aumenteranno notevolmente di prezzo. Ma il problema vero è che arriva anche il rischio di non trovarne più e che partano i razionamenti. Infatti l’India che un altro grande produttore mondiale di grano intimorita dalla penuria di questo alimento ha chiuso il suo export.

Tanti paesi a rischio fame perchè il grano scarseggia

Dunque oggi questi tre grandissimi produttori di grano seppure per motivi molto diversi hanno smesso di esportarlo verso il resto del mondo e le conseguenze sono veramente gravi. Si stima che addirittura 53 Paesi nel mondo siano a rischio fame per questa penuria forte di grano. Questi 53 paesi del mondo localizzati soprattutto in Africa e Medio Oriente oggi si ritrovano paurosamente a corto di grano e di conseguenza il rischio fame denutrizione diventa fortissimo. Ma anche per l’Europa il rischio è notevole. Infatti le aziende che utilizzano il grano come materia prima sostengono che ben presto potrebbero avere difficoltà a reperirlo e a non riuscire più a mettere sul mercato i loro prodotti.

Di cosa fare scorta

Inutile dire che questo è un grosso problema sul fronte alimentare perché i consumatori Italiani rischiano ben presto di vedere prima un’impennata di tutti i prodotti fatti con il grano e poi di vederli progressivamente sparire dai banconi dei supermercati. Le ipotesi sono quelle più diverse, dal razionamento ad una vera e propria progressiva sparizione di questi prodotti che rischiano diventare sempre più cari ed introvabili. Già oggi gli italiani iniziano a fare incetta dei prodotti derivanti dal grano ma bisogna tenere presente che non tutti questi prodotti possono essere conservati a lungo. Infatti per ora non c’è chiarezza su quando comincerà questo vero e proprio allarme nei supermercati italiani, dunque se ha senso fare scorta di alcuni alimenti, questo non è possibile per alimenti che si deperiscono presto come ad esempio il pane.