Reddito energetico: “regalo sorprendente” 8.500€ subito sul conto e non paghi più la bolletta elettrica

Le famiglie sono duramente stangate dall’inflazione e andare avanti non è facile.

Il reddito energetico è una buona idea per riuscire a difendersi da questo mostro inflazionistico che mette in difficoltà specialmente i più fragili.

ANSA/ETTORE FERRARI

Da tempo si parlava di Reddito energetico ma la misura finalmente è partita.

Una buona idea che vale 8.500 euro

Per tagliare le bollette elettriche davvero altissime, anzi, per azzerarle per sempre, la cosa migliore è quella di dotarsi di pannelli solari.

Pixabay

Tuttavia i pannelli solari hanno un certo costo sia per l’acquisto che per l’installazione. Ma proprio in questo viene in soccorso il reddito energetico. Infatti il Reddito energetico è una misura proposta dal Movimento 5 stelle per offrire un aiuto nell’installazione dei pannelli solari in modo che questa risulti completamente a carico dello stato. Dunque per le famiglie entro un certo ISEE arrivano i pannelli solari a costo zero e poi anche un azzeramento sulla bolletta elettrica.

Come chiederli

Fino ad oggi c’era stato un notevole consenso attorno a questa idea ma nulla era partito concretamente per i cittadini. Oggi invece le cose cambiano perchè la misura parte davvero e le regioni iniziano a muoversi per quel che riguarda questa misura. Infatti le regioni dovranno dare attuazione e la prima lo ha già fatto. Si tratta della Regione Puglia. Vedendo cosa fa la Puglia si può avere un’idea anche di come si comporteranno le altre regioni riguardo il reddito quindi è il caso di vedere bene come funziona. Il Bonus energetico vale fino a 8.500 euro per ogni nucleo familiare e di conseguenza ogni famiglia che voglia richiedere questo prezioso aiuto avrà questo budget a disposizione per acquisto ed installazione dei pannelli fotovoltaici.

Come fare domanda per il Bonus energetico

Per rientrare nei paletti del Bonus bisogna avere un ISEE entro i 20.000 euro infatti questa misura è volta ad aiutare proprio gli ISEE più bassi. Sull’apposito sito della Ragione puglia è possibile verificare se si rientra nei requisiti previsti per l’erogazione del Reddito energetico. Se si dovesse rientrare si può scaricare la modulistica e compilarla in ogni sua parte. A questo punto si beneficerebbe della cifra. Si attende che anche altre regioni si muovano nella stessa direzione e pare che effettivamente già alcune stiano iniziando a preparare progetti simili.