Nuovo Bonus sport e palestra: “regalo dal Governo” come chiederlo subito

L’attività sportiva fa molto bene al corpo umano.

Fare sport in modo regolare previene innumerevoli malattie mantiene il corpo più bello e più giovane.

ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Sicuramente chi fa sport in modo regolare va incontro a minori patologie ed evita di pesare sul sistema sanitario nazionale.

Un Bonus nuovo riservato allo sport e palestre

Proprio per questo il governo tiene in grande considerazione i centri sportivi e le palestre.

Pixabay

Di conseguenza arriva un aiuto notevole proprio nell’ambito dello sport e della palestra. Il governo con questo aiuto economico concreto intende proprio venire incontro al mondo dello sport ed agevolare questo settore economico ma agevolare anche chi pratica attività sportiva in appositi centri ma anche in palestra. Si tratta dunque di un bonus riservato al mondo dello sport e vediamo come ottenerlo concretamente. Questo aiuto varato dal governo si configura come un credito di imposta che va a dare una mano a tutti coloro i quali abbiano ristrutturato impianti sportivi pubblici.

Come chiedere l’aiuto governativo

Questo bonus sport può essere valevole per tutto il 2022. Quindi tutte le società che hanno restaurato o anche ristrutturato ma anche semplicemente seguito interventi di manutenzione di impianti sportivi possono richiedere il bonus sport. Anche la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche può beneficiare del medesimo bonus sport ma vediamo concretamente come funziona. Il credito di imposta ha un valore del 65% di quanto è stato speso per i lavori. Dunque qualsiasi lavoro sia stato posto in essere per quanto riguarda i centri sportivi può beneficiare del credito del 65%.

Un credito di importa spalmato su tre anni

Il credito potrà essere fruito in tre quote annuali. Dunque il credito sarà spalmato su 3 anni e le quote saranno tutte di pari importo. La domanda si poteva presentare già dal 30 maggio e il termine ultimo è fissato per la fine di giugno. Dunque in realtà sono tante le società che potranno richiedere questo ricco bonus e di conseguenza il relativo credito di imposta al 65%. Lo scopo del Governo è sicuramente quello di dare un’ulteriore mano ad un settore molto bello e molto importante ma che ha subito una dura batosta a causa del covid. Dunque l’esecutivo torna ad aiutare questo settore con una forte agevolazione di tutti gli investimenti relativi agli impianti, che spesso possono arrivare ad avere un costo anche ingente.