Bonus matrimonio 2022: dal Governo un assegno per gli sposi, come chiederlo

In questo periodo per le coppie prendere la decisione di sposarsi non è assolutamente semplice.

La crisi economica sempre più dura, l’inflazione che ormai rasenta il 10%: decisamente lo scenario economico è fosco e deprimente.

Pixabay

Di conseguenza le giovani coppie che decidono di sposarsi sicuramente meritano un aiuto economico.

Un aiuto per gli sposi

Come sappiamo lo Stato Sociale italiano è veramente avaro di aiuti per chi ha bisogno e di conseguenza ogni erogazione del governo è sicuramente interessante da conoscere e da valutare.

Pixabay

Il bonus matrimonio 2022 è un nuovo aiuto di natura economica per i nuovi sposi. Il bonus matrimonio o anche congedo matrimoniale è un assegno erogato dall’INPS oppure dal datore di lavoro. Questo assegno per il congedo matrimoniale può andare sia ai dipendenti che ai disoccupati. Il bonus matrimonio 2022 è una settimana retribuita di licenza dal lavoro. Vale per tutti coloro i quali siano sposati ma anche per coloro i quali abbiano contratto Unione civile. A beneficiare di questo aiuto erogato dal governo sono i seguenti tipi di lavoratori: apprendisti, marittimi di bassa forza, lavoratori a domicilio o anche dipendenti da aziende o cooperative.

Come chiederlo

Inoltre ci sono comunque dei paletti per godere del bonus. Innanzitutto questo bonus va fruito entro 30 giorni dal matrimonio. Inoltre il rapporto di lavoro deve essere attivo da almeno una settimana. Inoltre bisogna anche dimostrare che nei 90 giorni che precedono il matrimonio si abbia effettivamente prestato lavoro per almeno 15 giorni. Il bonus matrimonio sostanzialmente è un congedo di 7 giorni retribuito ma eccezionalmente per i lavoratori marittimi i giorni retribuiti di licenza sono 8. Il bonus matrimonio non è compatibile con la Cassa Integrazione o con le prestazioni di malattia e non è nemmeno compatibile con i trattamenti di disoccupazione. La domanda per il bonus matrimonio 2022 può essere fatta tramite un qualunque patronato.

La domanda

Tramite il patronato si potrà chiedere dunque questo assegno che va a coprire i 7 oppure otto giorni di licenza dal lavoro. Questo aiuto non è da confondere con i ristori per le aziende del settore. Infatti viene spesso definito bonus matrimonio anche un ristoro offerto alle aziende del settore dei matrimoni duramente colpite dalla pandemia di Covid. Col bonus dedicato agli sposi si avrà un piccolo aiuto economico in un momento decisamente particolare della vita.