Bonifico 400€ al mese per un anno: nuovo aiuto alle donne anche senza figli

Un bonus preziosissimo che può aiutare le donne a cambiare vita.

Un aiuto concreto dallo stato riservato a tutte le donne anche senza figli a carico. Sappiamo bene quanto sia complessa la situazione economica attuale.

ANSA/FABIO FRUSTACI

Tantissime famiglie ma anche tantissimi single non ce la fanno ad andare avanti a causa dei rincari tremendi dell’inflazione.

Un bonus importante riservato alle donne

Tutto diventa più caro ogni giorno che passa ed il paese rischia di finire in recessione.

Pixabay

Un aiuto INPS riservato alle donne può essere una vera boccata di ossigeno in questo momento così complesso. Questo bonus di cui parliamo è riservato unicamente alle donne ma non presuppone di avere figli a carico ed eroga fino a €400 al mese per un massimo di 12 mesi. Si tratta di un bonus molto particolare perché va ad aiutare le donne che si trovino in una delle situazioni più brutte che possono capitare nella vita, vale a dire quella di chi ha subito violenza. Le donne vittime di violenza in Italia sono veramente tantissime.

Come chiedere questo bonus prezioso

Le varie campagne di sensibilizzazione fatte in questi anni purtroppo hanno lasciato questo fenomeno estremamente presente nel nostro paese. Questo aiuto per le donne è davvero fondamentale e si chiama reddito di libertà. Ne hanno diritto tutte le donne vittime di violenza che ricevono questo reddito per massimo un anno per avere un aiuto al fine di rimettere in sesto la propria vita. Il reddito di libertà è una misura non molto conosciuta ed è importante reclamizzarla il più possibile perché tante donne che ne hanno diritto in realtà neppure lo richiedono. Per richiedere il reddito di libertà non basta semplicemente essere state vittime di una violenza ma bisogna essere effettivamente seguite da uno dei tanti centri antiviolenza sparsi per l’Italia.

Un aiuto per cambiare vita

Infatti in tutta Italia sono diffusi centri antiviolenza che assistono proprio le donne che abbiano subito questa terribile esperienza. Di conseguenza tutte le donne che siano attualmente seguite da un centro antiviolenza possono presentare la domanda per il reddito di libertà. La domanda va presentata al proprio comune e la si può presentare direttamente o tramite un delegato. Il proprio comune provvederà ad inoltrare la domanda all’INPS. Controllando la propria area riservata sul sito dell’Inps si potrà vedere a che punto è l’elaborazione della domanda e quando potranno cominciare ad arrivare i €400 al mese. Questo aiuto è davvero una misura ottima per contrastare questa piaga ed è importante che tutte le donne che si trovano in questa terribile situazione possano effettivamente accedervi.