Una nuova emergenza globale stravolgerà le nostre vite, leggi restrittive, le parole di Draghi

Una nuova emergenza globale stravolgerà la vita degli italiani e anche il premier Draghi ne ha parlato con toni molto cupi.

Vediamo che cosa sta succedendo e perché saranno possibili leggi restrittive.

ANSA/CLAUDIO PERI

Oggi tante emergenze mettono a rischio il futuro del nostro paese ma ce n’è una in particolare che preoccupa molto il Governo.

Una nuova emergenza globale

Innanzitutto a preoccupare è la forte inflazione.

Pixabay

Infatti l’inflazione in Italia e nel mondo è ai massimi da decenni e questo è un enorme problema sia per le famiglie che per le imprese. Infatti per le famiglie difficilissimo andare avanti e sono ormai tantissimi i nuclei familiari che chiedono con forza e determinazione un reddito di base universale. Il reddito di base universale sta occupando di prepotenza il dibattito in tutta Europa e davvero tanti ritengono che questa misura sia fondamentale in un momento così duro. Ma anche per le imprese diventa molto difficile andare avanti a causa dei fortissimi rincari dell’inflazione. Ma oltre all’inflazione, un’altra emergenza assai grave è lo spettro della recessione.

Cosa preoccupa il Governo

Infatti sia l’Italia che tanti altri paesi rischiano fortemente di finire in recessione. I numeri dell’economia sono davvero pesanti e l’aumento dei tassi da parte delle banche centrali può sicuramente velocizzare questo procedimento. Se dovessero esserci insieme inflazione e recessione per l’Italia si prospetterebbe un momento veramente difficile. Ma a preoccupare il Governo in modo molto particolare è la crisi alimentare internazionale. Draghi ne ha parlato in più occasione usando toni veramente pessimistici. Vediamo che cosa sta succedendo. Putin ha bloccato il grano in Russia e in Ucraina. Questo ha spinto oltre 50 paesi del mondo in una vera e propria emergenza alimentare. Si stima che almeno 53 paesi soprattutto nordafricani siano a rischio fame. Questo produrrà sicuramente ondate migratorie senza precedenti. Se non si riuscirà a sbloccare il grano in Russia ed in Ucraina le conseguenze potrebbero essere veramente disastrose.

Le conseguenze per gli italiani

Infatti Russia ed Ucraina producono circa il 28% del grano mondiale e questo blocco imposto da Putin può concretamente creare un’emergenza alimentare in Italia e spingere tantissimi dal nord Africa verso una migrazione che sarebbe veramente difficile da gestire per le sue proporzioni. Ma anche per gli italiani trovare il cibo potrebbe diventare sempre più complesso. Infatti non è soltanto il grano ad essere a rischio ma sono tanti altri alimenti che a causa dell’inflazione sono diventati difficili da coltivare e da importare. Anche per il riso, il lievito, l’olio ci sono allarmi simili a quelli del grano. Dunque la crisi alimentare internazionale può colpire duramente L’Italia sia rendendo più difficile la vita degli italiani che scatenando queste migrazioni che il governo teme molto. Saranno possibili anche razionamenti sul cibo come ha detto lo stesso Draghi, che ha detto che se non si sblocca il grano si rischiano conseguenze disastrose.