Il Bonus da €500 per i lavoratori ci sarà anche il prossimo anno, regalo del Governo

In questo periodo gli italiani sono davvero in affanno a causa della gravissima inflazione e così si attendono dal governo aiuti e bonus.

Ma questa novità farà sicuramente piacere perché il bonus di €500 è stato appena rinnovato per il prossimo anno. Vediamo di che si tratta.

ANSA/PRESS OFFICE CHIGI’S PALACE/FILIPPO ATTILI

La situazione per le famiglie italiane è sempre più pesante perché non si vede la fine di questi tremendi rincari.

Il Bonus è confermato anche per il prossimo anno

La polemica per avere aiuti sociali più forti diventa sempre più intensa ma dal governo arrivano buone notizie sul fronte del bonus di €500.

Pixabay

Infatti con il decreto legge 36 del 30 aprile 2022 che a breve sarà convertito effettivamente in legge è prevista una conferma del bonus di €500 per la carta del docente. Dunque la carta del docente resta confermata anche per l’anno scolastico 2022-2023. Di conseguenza tutti i docenti di ruolo potranno fruire di questo bonus di €500. Inizialmente si era pensato che per il prossimo anno la carta del docente sarebbe stata eliminata o comunque ridotta.

La novità positiva e cosa succede il 31 agosto

Innanzitutto bisogna precisare che entro il 31 agosto 2022 si dovrebbero spendere i €500 di quest’anno ma se non si dovessero spendere o comunque non si dovessero spendere integralmente già da settembre si potrà spendere la cifra residua maggiorata dei €500 del nuovo bonus. Con questo bonus si possono acquistare libri anche in formato digitale, riviste materiale informatico, pc tablet ma ci si potrà anche iscrivere a corsi di laurea purché inerenti al profilo didattico professionale. Si potrà accedere a cinema e musei ma anche a teatro e a spettacoli culturali ed eventi culturali dal vivo.

Aiuti più diffusi

Dunque la carta del docente rappresenta un ottimo modo per potenziare la propria cultura ma anche la propria dotazione di materiali utili alla didattica anche se di tipo digitale ed informatico. Ma al governo vengono chiesti con sempre maggiore intensità aiuti che possano coinvolgere tutta la popolazione per evitare di inasprire il divario tra ricchi e poveri che diventa sempre più insidioso.