RdC: ecco i tanti che lo perderanno, cosa rispondere alle proposte dei privati

Una stretta tremenda sul reddito di cittadinanza che arriva proprio in un momento in cui ce n’è particolare bisogno.

Il Governo ha varato una dura stretta sul reddito di cittadinanza.

ANSA/ETTORE FERRARI

Purtroppo il paese si appresta ad entrare in recessione e l’inflazione diventa sempre più dura, di conseguenza appare veramente pericoloso depotenziare quella che oggi è l’unica reale misura di contrasto della povertà che esista in Italia.

Un reddito di cittadinanza sempre più fragile ed in pericolo

La povertà in Italia sta crescendo di giorno in giorno ed ormai una famiglia su 12 è in povertà assoluta.

Pixabay

Ridurre le maglie dell’unico strumento di contrasto contro la povertà rischia di essere un autentico pericolo. Eppure è proprio quello che è successo. Con la fuoriuscita di Luigi Di Maio dal Movimento 5 Stelle, le forze politiche che difendono il reddito ormai si sono ridotte ad un Movimento 5 Stelle che è l’ombra di se stesso. Quindi il reddito di cittadinanza è a rischio come non mai. Con la riforma davvero tantissimi potranno perderlo. Vediamo che cosa cambia. Con questo nuovo emendamento basterà dire di no ad un’offerta congrua a chiamata diretta per perdere il reddito grillino.

Cosa cambia adesso

La cosa particolare è che questa chiamata diretta può provenire da un privato. Dunque il dire di no a questa chiamata diretta sarà conteggiato nei rifiuti massimi che possono dare vita alla perdita del beneficio. Quindi adesso le offerte congrue possono essere proposte direttamente dal privato. Ma questo è solo il primo passo. Infatti numerose forze politiche stanno dicendo chiaramente che vogliono smantellare il reddito di cittadinanza. Chi è contro il reddito di cittadinanza ritiene che questo strumento distorca il mercato del lavoro ed agisce di conseguenza. Purtroppo però non vi sono in Italia altri strumenti di contrasto alla povertà.

Alle prossime elezioni il RdC può finire

Se alle prossime elezioni dovesse confermarsi il vero e proprio crollo del movimento 5 Stelle registrato nelle ultime consultazioni locali molto probabilmente per il reddito grillino ci sarebbero ben poche speranze. Da un parlamento con una debolissima componente pentastellata potrebbe essere facilmente cancellato.