Supermercato: fai subito scorta dei 4 alimenti cancellati da Putin e dalla crisi idrica

La guerra in Ucraina e la crisi idrica rischiano di far sparire dal supermercato quattro alimenti fondamentali.

E il caso di capire di cosa fare immediatamente scorta. Anche se oggi l’allarme più grave appare quello dell’inflazione, secondo molti esperti è proprio la crisi alimentare la minaccia più grande in prospettiva.

EPA/ORLANDO BARRIA/ANSA

Il fatto è che la guerra voluta da Putin e la grave crisi idrica stanno mettendo a dura prova coltivazione ed allevamento.

Guerra e crisi alimentare: di cosa fare scorta

La conseguenza è che produrre cibo diventa sempre più difficoltoso.

Pixabay

La guerra in Ucraina sta bloccando l’esportazione di grano e decine di paesi africani sono a rischio fame. Ma cerchiamo di capire cosa sta succedendo agli alimenti e perché bisogna cominciare a fare scorta. Putin ha bloccato l’esportazione di grano e ha fatto crollare le riserve mondiali di questo prezioso alimento. Ma in realtà la crisi alimentare è molto più vasta. Infatti le materie prime alimentari sono aumentate tantissimo di prezzo a causa dell’inflazione ma anche a causa delle speculazioni internazionali. Questo rende difficile produrre cibo ma ovviamente è anche la gravissima siccità a rendere difficoltoso produrre cibo e la conseguenza è una crisi alimentare che diventa sempre più grave. Ma vediamo quali sono i quattro alimenti più colpiti.

Gli alimenti a rischio

Innanzitutto ovviamente tutto ciò che è prodotto con il grano rischia di sparire progressivamente dagli scaffali del supermercato. Infatti il grano a disposizione è sempre di meno perché anche l’India ha annunciato di voler chiudere l’esportazione di grano. Quindi tutti i principali esportatori al momento sono fermi. Ma è anche il riso ad essere gravato da grossi problemi. Infatti il riso è difficile da produrre in Italia ma è anche difficile da importare dall’estero e di conseguenza le riserve di questo alimento stanno diminuendo. Un forte problema c’è anche sugli oli. L’olio di semi di girasole ormai è aumentato del 70%, e c’è chi ritiene che presto diventerà davvero difficile da reperire. Ma allarmi ci sono anche su altri alimenti come ad esempio il lievito ed il caffè. Dunque la crisi alimentare sta arrivando sui nostri supermercati ed è davvero il caso di premunirsi.