Bonus condizionatori: 50% o 65% di sconto su acquisto e installazione, tutti ne approfittano

Con l’arrivo del caldo il bonus condizionatore è davvero prezioso.

Le famiglie quest’anno vogliono combattere il caldo con un bel condizionatore nuovo ma il carovita e la crisi economica rendono questa spesa spesso troppo gravosa.

ANSA/FABIO FRUSTACI

Eppure dal governo arriva la possibilità di uno sconto del 50% oppure addirittura del 65%. Vediamo come godere di questo sconto importante.

Uno sconto forte contro il carovita

Quest’estate si ricorderà per le temperature record toccate già addirittura a giugno.

Pixabay

Il condizionatore d’aria dunque è veramente fondamentale e con nuovi aiuti del governo lo sconto è veramente forte. Cominciamo a vedere come si può ottenere lo sconto del 50%. La detrazione al 50% in dieci anni si può ottenere per l’installazione di condizionatori con pompa di calore. Il governo eroga questo aiuto perché così la casa consegue un risparmio energetico. Il tetto di spesa è fissato addirittura a 96000 euro. Ma un risparmio ancora maggiore si ha con l’ecobonus. In questo caso il tetto è di €30.000 ma il risparmio addirittura del 65%.

Varie vie per usufruire del bonus

In questo caso per poter godere del bonus bisogna rimpiazzare anche solo parzialmente un impianto di riscaldamento con un condizionatore a pompa di calore. Ma non bisogna dimenticare che per avere uno sconto addirittura del 100%, c’è sempre il superbonus. Infatti con il superbonus lo sconto tanto sull’acquisto che sull’installazione arriva appunto al cento per cento. Tutte le modalità che abbiamo visto fino ad ora godono dello sconto sia sull’acquisto che sull’installazione ma anche sulla rimozione e lo smaltimento dei rifiuti.

Tutto viene coperto dal bonus ma attenzione ai limiti

Quindi con tutte le vie che abbiamo visto precedentemente se è vero che lo sconto è differenziato è vero anche però la copertura è decisamente ampia. Infatti tutte queste vie per godere del bonus ricomprendono non solo l’acquisto ma anche tutti i lavori necessari per la posa in opera. Tuttavia al momento cercare di usufruire del bonus 110% potrebbe essere imprudente perché i fondi sono attualmente esauriti. Teoricamente dunque questa via è praticabile ma la situazione controversa del superbonus e lo stallo politico su questa misura la rendono poco sicura.