Arriva la commissione su caffè e cornetto: la stangata che non ti aspetti

I contanti vengono sostituiti dal denaro virtuale, così paghi la commissione per ogni caffè.

Il denaro contante è destinato a sparire e i bancomat che lo erogano anche.

Pixabay

Questo è il trend attuale per quello che riguarda i pagamenti. Infatti il denaro contante è ormai destinato progressivamente ad essere sempre meno utilizzato e quindi a sparire.

Molte critiche per questa rivoluzione

A desiderare questo è il governo perché così si evita il fenomeno dell’evasione fiscale.

Pixabay

Infatti l’evasione fiscale è possibile proprio grazie al denaro contante che non viene tracciato in alcun modo. Quindi il Governo è assai contento della transizione verso la moneta digitale perché così qualsiasi movimento di denaro può essere facilmente tracciato e soprattutto tassato. Anche le banche sono veramente contente del passaggio verso la moneta virtuale. I pagamenti digitali per le banche sono veramente una manna.

Ora c’è la commissione su tutto

Innanzitutto possono ridurre le sedi fisiche e anche il bancomat perché chiaramente se non c’è moneta fisica non c’è neppure tanto bisogno di sedi fisiche per riceverla erogarla scambiarla ecc. Ma il vantaggio maggiore per le banche è che con la moneta virtuale ad ogni pagamento c’è una piccola commissione. E infatti molti protestano per questa vera e propria rivoluzione. Cerchiamo di capire perché. Una banconota da 10 euro può essere scambiata all’infinito senza perdere mai di valore. Ma per i €10 virtuali non è assolutamente la stessa cosa. Infatti ogni volta che i 10 euro passano di mano se sono virtuali perdono un pezzettino del loro valore che va via in commissione. Insomma: una commissione ad ogni caffè, cornetto, ecc.

Si contrasta l’inflazione ma a non tutti piace

Proprio per questo tanti Italiani considerano i pagamenti digitali una vera e propria sciagura. Infatti per le banche c’è un grande risparmio in termini di sedi e di filiali che possono essere chiuse e c’è un continuo guadagno per quello che riguarda le commissioni. Ma per i cittadini c’è una continua perdita di valore proprio a causa delle continue commissioni pagate ad ogni acquisto. Quindi questa vera e propria rivoluzione vede sicuramente il governo e le banche dalla sua parte. Ma vede anche tanti cittadini scettici e preoccupati. Ad ogni modo questa transizione verso il denaro virtuale non sarà certo immediata però bisogna anche dire che procede con grande speditezza. L’attuale normativa che proibisce ai commercianti di pretendere il pagamento in contanti sicuramente sta accelerando molto questo procedimento.