Aumenti pensioni, buste paga e Bonus figli a carico 1000€: ad agosto regali per tutte le famiglie

Con il decreto aiuti bis di agosto il governo interviene sulla grave situazione del rincaro del costo della vita.

Infatti il costo della vita è sempre più alto per le famiglie italiane e c’era bisogno di adeguare gli stipendi e le pensioni.

ANSA

Ma il tema più caldo è proprio quello delle famiglie con i figli a carico che non riescono ad andare avanti.

Il nuovo decreto aiuta gli italiani in tanti modi

Quindi il governo interviene su più fronti. Interviene aumentando gli stipendi, aumentando le pensioni ma arrivano anche gli aiuti proprio per le famiglie con i figli.

Pixabay

Vediamo tutte le novità in arrivo. Con il decreto aiuti bis il governo interverrà sulle buste paga. Infatti tutti i lavoratori dipendenti avranno un corposo aumento che potrà arrivare addirittura a 184€ al mese. Infatti il governo ha varato un mini taglio su cuneo fiscale già all’inizio dell’anno e con il decreto di agosto si aggiunge un altro mini taglio in busta paga.

Aumenti ed aiuti sociali

Così globalmente per un individuo che percepisca a 2.500€ di busta paga l’aumento arriva a 184 euro al mese fino alla fine dell’anno. Infatti questi aumenti sono fino alla fine dell’anno. Ma anche per le pensioni ci sono corposi aumenti. Infatti la perequazione dell’inflazione che sarebbe dovuta scattare dal primo gennaio 2023 sarà parzialmente anticipata dall’autunno. Infatti all’inizio di ogni anno c’è l’aumento delle pensioni al costo della vita. L’aumento del prossimo anno sarebbe dovuto essere veramente alto e quindi il governo ha pensato di anticiparlo parzialmente all’autunno.

Gli aiuti per le famiglie con figli

Ma le famiglie con i figli a carico sono quelle più punite da questa forte inflazione. Il governo ha deciso di ignorarle ma le regioni no. Infatti proprio le regioni italiane hanno messo in campo dei ricchi bonus scuola che aiutano le famiglie con ISEE basso. Addirittura la regione Lombardia arriva ad erogare ben €2000 per ogni figlio a scuola nell’anno scolastico prossimo. Infatti ogni regione può regolarsi come vuole e quindi la regione Lombardia ha deciso di erogare questa cifra fortissima agli studenti che vengano da famiglie con ISEE basso e che frequentano la scuola secondaria superiore. Ma tutte le regioni stanno mettendo in campo aiuti più o meno forti per la scuola.