Nuovo Bonus figli minori 630€ per famiglia: OK ufficiale, scade 31/08, ISEE 20.000

Arriva un nuovo bonus, anzi un nuovo voucher a rendere la vita un pò più facile alle famiglie italiane con i figli a carico.

Un nuovo bonus ricco ma dalla scadenza breve: infatti si potrà chiedere solo fino a fine agosto.

ANSA

Vediamo come funziona questo aiuto innovativo.

Un aiuto per le famiglie con ISEE entro i 20.000 euro

Le famiglie italiane hanno un bisogno estremo di aiuti per riuscire ad andare avanti.

Pixabay

In italia un lavoratore su 4 percepisce meno del reddito di cittadinanza. Dunque tante situazioni di fragilità unite al fatto che con l’inflazione le spese diventano insostenibili. Quando ci sono figli a carico da mantenere, far quadrare il bilancio diventa difficile e quindi questo novo bonus diventa importante. Vediamo come averlo. I pochi nuovi bonus per i figli partono dal presupposto che per avere senso devono essere cumulabili con l’assegno unico e questo lo è.

Come chiedere il bonus

Questo bonus viene erogato a tutte le famiglie che abbiano figli a carico ed ISEE entro i 20.000€ euro. i 630 euro sono erogati una tantum per ogni nucleo familiare. Questi soldi sono erogati in forma di voucher per consentire ai figli di praticare sport oppure attività ludiche oppure attività educative. Insomma questo voucher va a pagare al posto della famiglia tutte quelle attività che il figlio fa il pomeriggio e che sono così importanti ma che hanno anche un notevole costo per la famiglia. Si chiama “Buono Servizio Minori” e ecco come funziona.

Buono servizio minori

Le domande dovranno essere presentate entro il mese di agosto sul sito della Regione Puglia che eroga questo bonus. La Regione accetterà soltanto le domande delle famiglie con ISEE entro i 20.000 euro e stilerà una graduatoria. Grazie a questa graduatoria emergeranno i nominativi dei nuclei familiari che potranno beneficiare del voucher da spendere nelle ludoteche e centri sportivi e centri polivalenti della regione. La cosa bella di questo voucher è che è compatibile con l’assegno unico ma anche che consente alle famiglie più in difficoltà di far frequentare ai figli quelle attività pomeridiane che altrimenti magari non si potrebbero permettere. Ma attenzione perchè anche altre regioni mettono in campo aiuti per la scuola o per il tempo libero ed è sempre importante verificarli.