Latte a €2 al litro: scatta l’allarme “cosa daremo ai nostri figli” cosa fare subito

Scatta una vera emergenza per quello che riguarda il latte e le famiglie italiane sono veramente preoccupate.

Le famiglie sono preoccupate perché il latte arriva a €2 al litro e tante di esse effettivamente non potranno più comprarlo per loro e per i propri figli.

ANSA

Ma l’allarme arriva pure dai produttori. Addirittura 24 mila stalle rischiano di chiudere e ben 200.000 lavoratori rischiano di restare senza lavoro.

Emergenza latte: perchè aumenterà sempre di più

Vediamo perché il latte sta diventando così caro.

Pixabay

I rincari sono a monte perché il latte ha bisogno di tutta una serie di materie prime che ormai per gli allevatori sono diventate carissime. Innanzitutto il mangime è aumentato del 41%. Il detergente per pulire che è fondamentale nelle stalle è aumentato del 23%. Questo per non parlare delle note spese energetiche che sono anch’esse aumentate. Insomma ben 24 mila stalle italiane rischiano la chiusura e di conseguenza 200.000 lavoratori del settore rischiano di rimanere senza lavoro. Ma il rischio è anche per i cittadini al supermercato.

Un’emergenza per le famiglie e per l’economia

Infatti ormai il latte è già arrivato a 1,8 euro al litro: una cifra veramente altissima. Ma secondo gli esperti ben presto arriverà a €2 per il litro. Il problema è che il latte è uno di quegli alimenti fondamentali e non si possono privare le famiglie e specialmente le famiglie con i figli, del latte. Un latte a 2 euro per litro è un latte che sostanzialmente tante famiglie non potranno comprare o potranno comprare solo saltuariamente.

Cosa si rischia

Anche perché il terribile aumento del latte fa il paio con i terribili aumenti delle bollette che arriveranno tra settembre e ottobre e con la fiammata di disoccupazione che si prevede per quel periodo. Il rischio di tensione sociale in Italia diventa altissimo e tante famiglie richiedono misure sociali decisamente più forti. Il problema grave sul latte è stato sottolineato da un comunicato congiunto di Granarolo e Lactalis. Le due aziende comunicano al governo la loro grande preoccupazione per il settore e il bisogno di aiuti forti da parte dello stato anche perché il costo dell’energia sta diventando la prima voce di costo.