Bonus 200€: ritorna per due mesi e spuntano gli assegni da 500€ per i figli a carico, gioia per le famiglie

Le famiglie italiane sono in difficoltà con le dure stangate delle bollette previste per settembre e ottobre.

Proprio per questo arrivano dei nuovi forti aiuti da parte dello stato. Innanzitutto ci sono novità sul fronte del bonus 200 euro, ma poi soprattutto arrivano dei nuovi assegni pensati per i figli a carico.

ANSA

Le famiglie con i figli sono in difficoltà sempre maggiori e proprio per questo gli aiuti da parte dello stato devono intensificarsi.

Bonus 200 euro e quelli per i figli da 500 euro

Innanzitutto vediamo che cosa succede sul fronte del bonus da €200.

Pixabay

Il bonus da 200 euro che è stato pagato a luglio è stato progressivamente esteso ad altre categorie. Infatti proprio per riuscire ad includere queste categorie che prima erano state escluse verrà pagato anche a settembre e ottobre. Tra l’altro un problema c’è proprio sul bonus relativamente alle partite IVA. Infatti a quanto pare il governo avrà bisogno di immettere nuovi soldi in questa misura perché non tutte le partite IVA attualmente potrebbero essere pagate. Ma la misura più importante per le famiglie sono i nuovi bonus per i figli. I nuovi bonus per i figli sono bonus assolutamente innovativi che sono sempre cumulabili con AU.

I nuovi aiuti per i figli

Prima di tutto c’è la questione dell’assegno unico universale che è stato confermato per tutte le famiglie e che anzi dall’anno prossimo sarà anche aumentato dell’8%. L’assegno unico universale è la prima misura realmente universale varata in Italia, ma sono sempre di più gli italiani che chiedono il reddito di base universale e si impegnano per sensibilizzare gli altri.

Gli aiuti da 500 euro

Invece misure molto importanti arrivano proprio per i figli a carico. Infatti dei nuovi bonus spuntano sia in Friuli Venezia Giulia che in Umbria che anche in Puglia. In Friuli Venezia Giulia saranno dati 500 euro per ogni figlio e si aggiungono €100 se c’è anche la disabilità. Questo aiuto si può avere se si è titolari della carta famiglia e se si ha un ISEE entro i 30.000 euro. Questi aiuti riguardano le attività sportive, educative, corsi di lingua e percorsi didattici. Ma altri 500 euro sono stati erogati in Umbria e la stessa cosa è stata fatta in Puglia, ma in Puglia bisogna anche avere almeno quattro figli a carico.