Attenzione ai Bonus benzina: diventano 2, tanto attesi e valgono tanto, domanda ufficiale SETTEMBRE

È caldissima la questione dei Bonus benzina perché ormai gli italiani hanno difficoltà a mettere benzina e diesel nella propria automobile.

Ma arrivano due nuovi bonus governativi che possono dare concretamente una mano agli automobilisti.

ANSA ilovetrading

Vediamo come funzionano i bonus benzina e vediamo come ottenerli. La situazione dei carburanti è diventata veramente drammatica visto che i paesi produttori di petrolio hanno deciso di ridurre la quantità di petrolio effettivamente prodotto.

Una vera stangata ma i bonus sono due

Ma sono soprattutto gli speculatori internazionali che stanno tenendo veramente alti i costi di diesel e benzina ma anche delle altre materie prime energetiche.

Pixabay

Questa è una stangata sia per gli automobilisti che anche per i benzinai. Infatti i benzinai duramente stanno chiedendo aiuti perché rischiano di chiudere i battenti. Vediamo di capire quali sono i due bonus attualmente disponibili oggi da parte del governo. Il primo bonus disponibile è il bonus benzina che si può chiedere dal 12 settembre sull’apposita piattaforma. Inoltre c’è il bonus trasporti e poi c’è il taglio sulle accise. Vediamo di capire che cosa succede anche perché poi c’è anche il nuovo bonus da 200 euro sempre sulla benzina ma riservato ai lavoratori.

Quanto valgono e come averli

Il primo bonus benzina è quello che si può chiedere dal 12 dicembre e che è stato disposto dal decreto Ucraina bis del 20 maggio 2022. Questo primo Bonus benzina è riservato ai lavoratori perché prevede che il datore di lavoro possa erogare ben 200 euro per ogni lavoratore sulla busta paga. La cosa vantaggiosa di questo bonus per i lavoratori da €200 è che i soldi ricevuti dal lavoratore non vengono considerati come reddito e di conseguenza non vengono tassati. Quindi la cifra che il datore di lavoro deciderà di erogare al lavoratore gli arriverà netta direttamente in busta paga e non subirà nessun tipo di tassazione.

Un aiuto forte su diesel e benzina

Il bonus da €200 non concorre alla formazione del reddito e lo possono avere tutti i lavoratori dipendenti privati e non c’è neppure un limite di reddito. L’altro bonus invece quello che si può chiedere con la data del 12 settembre e che è valido solo per 30 giorni è invece il bonus dell’Agenzia delle Dogane. In sostanza questo bonus lo possono richiedere le imprese che fanno autotrasporto di merci. Si tratta di un credito d’imposta del 28%, per tutte le spese sostenute nel primo trimestre di 2022. Quindi si tratta di un bonus relativo agli autotrasportatori che permette di avere un rimborso del carburante per tutte le spese sostenute proprio nella prima parte dell’anno. Per poter richiedere questo bonus bisogna andare sull’apposita piattaforma e autenticarsi con SPID o carta d’identità elettronica.