Carovita addio per sempre: nuovissimo bonus 180€ per TUTTI senza ISEE, dono di gioia

Il nuovissimo bonus da 180€ sta facendo discutere perchè una misura davvero straordinaria.

Come sappiamo le famiglie sono in difficoltà estrema in questo periodo e quindi i bonus sono necessari. Ma questo bonus nuovissimo da 180 euro è sicuramente una svolta positiva. 

ANSA

Vediamo perchè è per tutti e a cosa serve.

Clamoroso nuovo bonus da 180€

Innanzitutto chiariamo che questo bonus sarà proprio sulle terribili bollette di luce e gas e sarà senza ISEE.

Pixabay

Le motivazioni di questo bonus sono chiare: c’è troppa paura che le famiglie non ce la facciano più ad andare avanti. Infatti una famiglia su 12 in Italia era in povertà assoluta già prima dell’emergenza energetica. Ma con la terribile impennata delle bollette la situazione può letteralmente esplodere. Troppe famiglie non ce la faranno a pagare queste tremende bollette e troppe aziende già stanno chiudendo o lo faranno a breve. Ecco perchè arriva il bonus per tutti.

Come funziona il nuovo bonus

Prima di parlare nel nuovo bonus è importante sottolineare che non sostituisce in alcun modo il bonus sociale sulle bollette che resta attivo, anzi che è stato appena confermato. Infatti proprio nel decreto aiuti ter di agosto, il bonus è stato confermato per tutte le famiglie con ISEE entro i 12.000 euro e per tutti i beneficiari di reddito e pensione di cittadinanza. Anche se non si placano le polemiche per il fatto che i malati legati a macchine salvavita, che pure ne hanno diritto, hanno difficoltà a chiederlo. Ma ora arriva il nuovissimo bonus da 180 euro senza ISEE e vediamo come funziona.

Come si ricevono i 180€

I 180 euro del nuovo bonus bollette aggiuntivo si riceveranno direttamente come sconto sulle bollette, ma qui è nata anche una polemica. Il fatto che lo sconto sia senza isee sicuramente lo rende meno macchinoso e scomodo dal leggere, ma bisogna anche considerare che l’aiuto diventa così per ricchi e poveri contemporaneamente senza distinzione. L’aiuto è stato messo in campo dalla Provincia di Trento (ma tanti enti locali erogano aiuti simili) che però ha smorzato le polemiche. Infatti la Provincia ha spiegato che a beneficiare saranno solo le prime case. Quindi anche i benestanti lo avranno su una casa e basta e non anche sulle altre. Ma, appunto la tensione sociale aumenta ed è il caso di verificare gli aiuti disposti dalla propria provincia e regione.