Termosifoni: tutti sbagliano, al minimo per ore o al massimo ad intermittenza, una è una stangata

Gli italiani cercano di capire in tutti i modi come risparmiare sul consumo del riscaldamento.

Adesso arriva l’inverno e i consumi del gas si impenneranno. Arriva una vera e propria emergenza sociale sul riscaldamento proprio perché con l’arrivo dell’inverno gli italiani avranno la necessità di riscaldarsi ma le bollette del gas continuano ad aumentare e gli italiani che finiscono in povertà sono sempre di più.

Pixabay

Quindi oggi è importante davvero capire come usare il riscaldamento.

Come risparmiare davvero sul riscaldamento

Fino ad oggi le famiglie italiane semplicemente quando avevano freddo accendevano il riscaldamento di casa oppure si attenevano agli orari condominiali.

Pixabay

Ma oggi non funziona più così perché effettivamente bisogna capire qual è il sistema migliore per riscaldarsi. Oggi tante famiglie si chiedono se sia meglio tenere i termosifoni al minimo per ore oppure tenerli veramente bollenti ma ad intermittenza. Può sembrare una domanda banale ma le due tecniche per riscaldare l’appartamento sono molto diverse e consentono consumi molto diversi. Quindi è importante capire per le famiglie quale delle due sia veramente vantaggiosa e quale no.

Meglio accendere e spegnere?

Prima di approfondire questa questione molto importante è però importante anche ricordare che per risparmiare in casa c’è bisogno di avere infissi moderni che non facciano uscire l’aria calda dell’appartamento. Inoltre sempre per risparmiare in casa c’è bisogno anche di avere elettrodomestici ed elevata classe energetica e di non tenerli in stand by. Ma vediamo la questione dei termosifoni. Prima di tutto per risparmiare sui termosifoni è molto importante che siano ben puliti. Pulire i termosifoni non è semplice vista la loro forma ma se sono sporchi riscaldano di meno. Secondo gli esperti accendere i termosifoni a intermittenza è un grosso spreco di gas. Alcuni ritengono che accendere i termosifoni a intermittenza possa essere vantaggioso perché poi i termosifoni si spengono ma il calore rimane nel tempo.

Il modo più economico di riscaldare

Tuttavia questo ragionamento anche se può sembrare corretto, è sbagliato secondo gli esperti del risparmio energetico. Infatti accendere e spegnere la caldaia non soltanto la rovina e rischia di farla rompere più presto con ovviamente ulteriori spese ma rappresenta anche un vero e proprio spreco di gas. Quindi tenere i termosifoni bollenti per un po’ e poi spegnerli e poi magari ripetere ciclicamente questa operazione non è un modo per risparmiare il gas ma anzi è un modo per sprecarne di più. Quindi è importante tenere i termosifoni attorno ai 17 gradi in modo continuo per il tempo che serve.