Pensioni: cambia l’integrazione al minimo e diventano molto più ricche, sbrigati a chiederla

L’integrazione al minimo è un istituto molto particolare del nostro sistema pensionistico ed è importante capire come funziona e capire anche le novità.

La situazione per i pensionati italiani è veramente durissima perché tanti pensionati ormai non ce la fanno più ad andare avanti.

I Love Trading – integrazione al minimo, novità

Come sappiamo l’Italia eroga pensioni che mediamente sono veramente da fame.

Integrazione al minimo: ecco come funziona

Se questa è la situazione usuale con l’arrivo della forte inflazione sono veramente tanti i pensionati a non riuscire più ad andare avanti.

Pixabay

Le bollette sono aumentate del 60% e anche fare la spesa al supermercato o al discount ormai è diventato veramente troppo caro. Mentre si attende con ansia la nuova riforma delle pensioni c’è però da capire come funziona l’integrazione al minimo e perché può essere molto conveniente adesso. Innanzitutto è utile chiarire che chi nel 2022 percepisce una pensione che sia inferiore a 524,35€ può effettivamente chiedere l’integrazione al minimo. Quindi se si percepisce una pensione più bassa di questa soglia si può richiedere l’integrazione ma questo non è così automatico.

Attenzione ai redditi

Infatti se il pensionato non è sposato l’integrazione al minimo spetta solamente se il reddito è entro i 6816,55 annui. Se invece il reddito è sopra questa cifra, ma entro i 13.633,10 annui c’è l’integrazione parziale. Se invece si supera anche questa cifra l’integrazione al minimo non spetta più. Ma se il pensionato invece è coniugato si devono considerare soglie reddituali diverse e quindi più alte. Possono essere oggetto dell’integrazione al minimo tutte le pensioni sostanzialmente, ma non sono oggetto di questo aiuto le pensioni liquidate esclusivamente col sistema contributivo. Anche chi ha diritto a opzione donna può beneficiare della integrazione al minimo.

La novità sull’integrazione al minimo

Ma come dicevamo questo istituto dell’integrazione al minimo molto probabilmente nel 2023 sarà travolto dall’auspicato aumento delle pensioni minime a €1000. Infatti secondo molti osservatori politici la regola dell’integrazione al minimo dovrebbe essere eliminata e riassorbita in un aumento generale di tutte le pensioni ad una soglia minima di €1000. Questa è una riforma estremamente attesa dai pensionati ma c’è anche chi ritiene che questa riforma non sia fattibile. Infatti mentre molti auspicano l’aumento delle pensioni minime a €1000 e si dicono convinti che questa riforma ci sarà, molti altri ritengono che ci siano problemi di bilancio per autorizzare un aumento così massiccio. Infatti in Italia veramente tantissimi vivono con pensioni da fame e portare le pensioni minime a €1000 secondo molti sarebbe troppo costoso per il bilancio dello stato.