Pensioni 2023 tutti a 64 anni: INPS e Giorgia Meloni cambiano tutto, gioia grossa a gennaio

La riforma del governo di Giorgia Meloni è una riforma veramente importantissima perché cambia tutto relativamente alle pensioni italiane e perché se non si dovesse fare tornerebbe la Fornero.

Eppure la riforma di Giorgia Meloni non sarà una riforma strutturale.

ANSA

Quindi molto probabilmente la riforma di Giorgia Meloni andrà a coinvolgere gli anni 2023 e 2024 ma non andrà oltre.

Cambia tutto sulle pensioni per il 2023

Quindi è assai probabile probabile che la riforma di Giorgia Meloni cambi tutto per quello che riguarda chi va in pensione nel 2023 e nel 2024 ma poi non si spinga oltre.

Pixabay

Queste almeno sono le ultime voci degli esperti. Due misure che quasi certamente saranno prorogate nel 2023 sono ape sociale e opzione donna. Ape sociale e opzione donna teoricamente dovevano finire quest’anno ma quasi certamente saranno prorogate. Queste due misure consentono di andare in pensione a 63 anni oppure a 58 o 59 anni per lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome. Come dicevamo teoricamente scadono il 31 gennaio 2022 ma quasi sicuramente saranno prorogate.

Le nuove uscite vantaggiose a 64 anni

Ma oggi si parla insistentemente di scivoli comodi a 64 anni di età, quindi se si hanno 38 anni di contributi versati e si hanno 64 anni di età si potrà sicuramente andare in pensione ma oggi un tema molto caldo è quello degli scivoli a 63 anni permessi anche a una platea più ampia di beneficiari. Infatti si sta molto discutendo della possibilità di consentire a tutti di andare in pensione tra i 63 e 64 anni anche con un numero minore di contributi.

I temi più caldi: molti vantaggi per i pensionati del 2023

I sindacati chiedono con forza questa possibilità ma dal governo c’è una maggiore prudenza. Un tema molto caldo è quello di quota 41 pura. Una quota una quota 41 pura è richiesta con forza dalla lega che da tempo ha fatto una vera e propria bandiera di questa misura pensionistica. Ma la quota 41 pura è molto difficile che effettivamente veda la luce del 2023, però ci potrebbe essere una quota 41 flessibile che può consentire di andare in pensione a 61 anni oppure a 62 anni. In tutto ciò purtroppo non si sta parlando più dell’aumento delle pensioni minime a €1.000. L’aumento delle pensioni minime a €1000 sarebbe una vera e propria misura di civiltà ma a quanto pare il governo Meloni non farà sua questa proposta di Silvio Berlusconi e le pensioni minime potrebbero anche essere aumentate ma in maniera molto ridotta.