Pensioni Quota 41: che disastro, c’è il nuovo tetto dell’età, Meloni e INPS fanno infuriare tutti, stangata

La riforma delle pensioni è ormai in dirittura d’arrivo e gli italiani si chiedono come si andrà in pensione nel 2023.

Ma proprio sulla quota 41 che ormai appare la più probabile spunta un requisito dell’età che sta facendo infuriare molti esperti e anche molti italiani che speravano di andare in pensione. Vediamo che cosa sta succedendo.

ANSA

Inizialmente il governo Meloni sembrava andare nella direzione di una cosiddetta opzione tutti. Quindi in sostanza si trattava non soltanto di prorogare opzione donna che teoricamente scade alla fine del 2022, anche al 2023 ma di estenderla anche agli uomini.

Quota 41 con tetto età

Quindi con un’opzione tutti sostanzialmente opzione donna non finisce quest’anno ma continua nel 2023 e anche gli uomini possono approfittarne.

Pixabay

Ma oggi si parla con forza anche di quota 41, però si parla anche dell’introduzione di un tetto dell’età e questo sta facendo infuriare diverse persone. Infatti tanti attendevano con forza la quota 41 ordinaria anche perché la Lega l’aveva promessa da tempo. Infatti la lega aveva fatto una vera e propria bandiera elettorale della quota 41 ma oggi sembra che la quota 41 sarà possibile ma soltanto con un limite d’età. Quindi in sostanza una quota 41 per tutti potrebbe anche arrivare e molti amano l’idea della quota 41 perché consente ancora un calcolo dell’assegno di pensione con il sistema misto.

Come funziona la novità delle pensioni 2023

Però c’è sempre il problema dei tre mesi di finestra. Oggi si parla molto anche di un pensionamento con quota 41 ma potenziato grazie al solo requisito contributivo ma questo è utile soltanto per chi ha cominciato a lavorare giovanissimo. Quindi in sostanza oggi si parla di una quota 41 che però prevede un’uscita del lavoro a 62 o 61 anni, ma queste sono soltanto ipotesi perché attualmente l’idea di quota 41 con il vincolo dell’età sta suscitando molte polemiche. Questo anche perché alcuni esperti del mondo delle pensioni la danno come una delle opzioni più probabili e ciò a molti del sindacato ovviamente non piace.

Pensioni 2023: quota 41 e non solo

Bisogna aspettare le prossime settimane per capire se effettivamente la quota 41 con il limite dell’età sarà la scelta preferita dal governo Meloni o se dovessero spuntare altre opzioni. Ma il Governo ha deluso chi attendeva l’aumento delle pensioni minime a 100 euro. Troppi pensionati con la pensione minima non ce la fanno ad andare avanti ed un aumento sarebbe davvero necessario.